AHC Flyers. La street art della scena hardcore punk americana - Carrara 14-21 febbraio 2009

Tratto da EduEDA
Versione del 10 Feb 2009 alle 11:08 di Massimiliano (Discussione | contributi)

(diff) ←Older revision | view current revision (diff) | Newer revision→ (diff)
Jump to: navigation, search

AHC Flyers. La street art della scena hardcore punk americana

Dopo il successo di Monza, Palermo, Roma, Bologna, Lecce, la mostra American Hardcore Flyers approda all’Accademia di Belle Arti di Carrara. Dal 14 al 21 febbraio, infatti, sarà possibile visitarla presso la Scuola di Nuove Tecnologie dell'Arte, presso il Palazzo Forti in via M. Buonarotti 1 , dalle ore 09.00 alle 18.00

La mostra è composta da più di 130 pannelli, con testi esplicativi, dei volantini dei concerti di Black Flag (realizzati dal mitico Raymond Pettibon), DOA, Dead Kennedys, Minor Threat, MDC, Agent Orange e decine di altri gruppi, per ripercorrere la storia della scena musicale e culturale punk hardcore.

Una vera e propria chicca sulla street-art, ispirata al libro American Punk Hardcore di Steven Blush (ShaKe), subito diventato un best-seller, con centinaia di recensioni, segnalazioni e più volte ristampato, e da cui è stato tratto il documentario omonimo per la regia di Paul Rachman (in finale ai Festival di Toronto e Sundance).

Accompagna la mostra, un catalogo di 140 pagine con i testi tratti dal libro di Steven Blush e i flyer della mostra riprodotti in formato A4.

A cura di Gomma e Kix (ShaKe), Vittorio "Linea Diritta", Mungo (Declino), FOA Boccaccio.