Art Communication

Tratto da EduEDA
Jump to: navigation, search

{{StubAutore: Dieter Daniels

Tratto da:http://www.mediaartnet.org/source-text/73/ ; Neue Bildende Kunst, Nr. 5, Berlin, 1994, S. 14–18 Titolo originale: The Art of Communication: From Mail Art to the e-mail Traduzione di:

Anno:1994

L'arte della comunicazione: dall’arte per corrispondenza alla posta elettronica

Quando gli artisti si indirizzano verso un nuovo mezzo, spesso si mettono alla prova i limiti della definizione di arte. Dopo questa premessa, si può fare un confronto fra alcuni fenomeni che sembrano abbastanza diversi nella pratica contemporanea e tuttavia, se esaminati più attentamente, rivelano strategie artistiche affini: le numerose forme di Mail Art iniziata negli anni 60 e i nuovi approcci all’ arte che utilizzano sistemi elettronici e di telecomunicazioni. Ci sono attualmente numerosi segni culturali che tendono a colmare il vuoto fra gli anni 60 e90: dalla tendenza neo-psicadelica nella scena techno, alla moda rappresentata dai pantaloni a zampa d’elefante e dalle scarpe con le zeppe al rapporto tra arte e tecnologia. È difficile definire con termini precisi trasformazioni culturali generali come queste , e ci sono ancora alcuni temi principali che possono ricomparire in questa trasformazione. Proviamo ad elencare tre di questi temi:

· L 'idea di una creatività collettiva, che si allontana dal culto del singolo genio che è stata coltivata nell’ astrazione internazionale degli anni 50 e nel postmodernismo degli anni 80. · Il tentativo di trovare una forma non commerciale di arte che eluda le mediazioni ufficiali e i canali di mercato. · La ricerca della possibilità di una forma di comunicazione universale al di là della-cultura che può condurre a qualcosa come un "discorso senza vincoli�?.

Negli anni 60, alcuni di questi approcci ideologici hanno fornito motivi decisivi ad artisti che hanno iniziato a cercare nuovi mezzi. Sarebbe sbagliato, tuttavia, limitare questi approcci ai mezzi elettronici, nel momento in cui l'obiettivo non era tanto “l’arte dei mezzi di comunicazione�? quanto un' "arte fra i media �? che cerca e crea una molteplicità di nuove forme di espressione, perciò dissociandosi dalla comunicazione di massa elettronica monopolizzata e dai concetti di arte centrati sui musei ufficiali. Oggi, sappiamo che nessuno di questi approcci ha realmente portato un cambiamento decisivo nelle condizioni esistenti. Invece, il tentativo di mettere alla prova i limiti della definizione di arte ha dimostrato l’enorme potere delle strutture esistenti di integrare nuove condizioni. Per esempio, il mercato di arte è stato in grado di accettare le nuove forme di arte che gli si ritorcevano contro: l'avvenimento, l’arte concettuale e l’arte dei mezzi di comunicazione. Come si può vedere, uno dei principi base del mercato è emerso soltanto come il risultato di questi approcci: che quasi tutti i mezzi di comunicazione, i concetti o reliquie possono essere venduti. Tutto quello che importa è il nome commerciabile e importante che appare nell’opera in questione. 

Anche se le utopie fallite degli anni 60 non possono essere riciclate semplicisticamente negli anni 90, ci sono ancora aspetti ( atteggiamenti) di questo periodo che hanno prodotto un risultato (effetto) pionieristico che si può comprendere forse solo in retrospettiva. Tra questi vi sono anche nomi che non sono tra i più importanti fra i padri fondatori degli anni 60 e fino ad oggi non se ne trovano quasi tracce nei musei. Fra gli artisti rappresentativi possiamo qui menzionare Ray Johnson e, Mieko Shiomi, due artisti che svilupparono modelli di arte come comunicazione e che ancora proseguono senza la tecnologia elettronica e tuttavia sono utili, in parte, per mettere in evidenza il grado di conoscenza che i nuovi mezzi (media) richiedono.

Ray Johnson può essere considerato il padre della Mail Art. Dopo parecchie esposizioni alla New York School di espressionismo astratto, egli è diventato amico di Robert Rauschenberg e Cy Twombly e ad oggi ha mantenuto le distanze da tutte le tendenze e vive fuori dalla scena dell’arte, a Locust Valley, vicino a New York. Nella metà degli anni50, egli ha iniziato a produrre centinaia di piccoli collage incorporando elementi di tutto l’ambiente circostante. Contemporaneamente, le corrispondenze sono diventate una componente integrante nella creazione dei suoi lavori: egli ha inviato collage per posta, ha utilizzato pezzi della sua posta nei collage stessi, ha inviato pezzi con la richiesta a colleghi artisti di inviarli o lavorare sugli stessi, ha utilizzato le risposte quando gli venivano rinviate, ecc. Si è sviluppato un processo senza conclusione che ha coinvolto sempre più persone e ha portato all'istituzione del New York Correspondence School Nel corso degli anni, Ray Johnson da solo ha inviato migliaia di pezzi di Mail Art e chiunque era in corrispondenza con lui è così diventato il proprietario di una raccolta dei suoi lavori, gratuitamente. Dal nucleo iniziale della New York Correspondence School è nato un movimento Mail Art mondiale le cui propaggini operano ancora oggi, anche dopo la "dichiarazione di morte" che Johnson ha inviato al New York Times nel 1972. Sebbene nel frattempo la Mail Art sia diventata in parte un passatempo per archivisti ossessivi e per membri di club, qualcosa di palpabile rimane del suo impulso originale e anarchico. Il lavoro stesso di Ray Johnson contiene già molti elementi che in seguito sono diventati pienamente fruibili in rete dagli artisti da lui iniziati: Johnson crea prodotti collettivi che nascono dalla partecipazione volontaria o involontaria di altri; nel processo, egli modifica la propria identità ripetutamente sotto numerosi pseudonimi, con la sua corrispondenza fonda numerosi fan club in parte fittizi e in parte reali e gruppi di conversazione.

Molti di questi elementi compaiono di nuovo oggi in una comunicazione universale via Internet:. News groups, fan-club , identità fittizie e un costante riciclaggio e "invio" e la combinazione di messaggi per dare nuove informazioni – questi sviluppi sembrano rappresentare un fascino elementare grazie a complesse strutture di comunicazione- siano essi via posta o per mezzo della rete elettronica. A questo riguardo, fino ad oggi il servizio postale ha avuto il vantaggio di permettere la trasmissione di immagini e materiali di qualsiasi tipo,, mentre fino a poco tempo fa la posta elettronica è stata limitata a puro testo in codice ASCII standardizzato. D'altra parte, la distribuzione che usa il mezzo digitale non è limitata agli originali; ogni messaggio può essere trasmesso e modificato centinaia di volte, senza alcuna perdita o deterioramento e può essere letto e commentato da tutti in rete. Quando il nuovo software (Mosaic, World Wide Web) ha reso possibile la rete multimediale, questo ha dato una dimensione completamente nuova della costruzione universale di un mondo collettivo di testi, immagini e suoni.

Mieko Shiomi ha iniziato come musicista e attraverso Nam June Paik è entrato in contatto con il movimento Fluxus nella metà degli anni 60. Nel 1964, ha vissuto a New York per un breve periodo, dove ha partecipato a progetti Fluxus. E’ tornato a vivere ad Osaka nel 1965,e , oggi, lavora dal Giappone, ed è uno dei partecipanti attivi di Fluxus. A seguito della distanza fra lei e il resto degli attivisti Fluxus, la comunicazione a distanza è diventata un elemento centrale nel suo lavoro. Lei dice: " ho trovato un nuovo metodo per gli eventi-ho visto la terra come un palcoscenico e ho utilizzato la posta per organizzare lo stesso evento con la gente di molti paesi, ognuno con la propria realizzazione del pezzo e ho formato una mappa mondiale con i resoconti dei partecipanti quindi in questo modo è iniziata la serie di Poemi Spaziali ". (Lettera all'autore) Nel Poema Spaziale No. 1, del 1965, ogni partecipante è stato invitato per posta: "scrivete una parola sul cartolina acclusa e mettetela in qualche posto".Forse la mappa mondiale con i resoconti dei risultati mostra più chiaramente il carattere internazionale di Fluxus come il primo movimento di arte veramente "intercontinentale" del 20° secolo. Il lavoro di Shiomi, così come quello di Paik, ha una forte caratteristica di immaterialità, che trae le sue origini sia dalla musica che dal pensiero asiatico. Unisce espressioni di arte concettuale e Mail Art per sviluppare una nuova e globale impostazione che anticipa aspetti di telecomunicazione quali la simultaneità e ubiquità. Ecco perché il suo lavoro ha anche portato Shiomi ad usare le telecomunicazioni, ad esempio al "Fluxus Remote Festival" tenuto nel 1994 a Osaka dove promuoveva internazionali e simultanei contributi telefonici .

Questi confronti non nascondono il fatto che c’è (esiste) una differenza determinante fra la Mail Art degli anni 60 e la comunicazione elettronica mondiale di oggi. È la differenza fra un esperimento artistico e la realtà tecnologica dei media- una differenza che è incolmabile come quella tra arco e freccia e una pistola Come quasi tutte le innovazioni nella tecnologia dei mezzi di comunicazione, Internet ha origini militari e a differenza di altre tecnologie, finora ha avuto scopi principalmente scientifici e culturali. Come rete inter-universitaria, è da tempo diventata una fonte indispensabile di informazioni nelle aree delle scienze naturali e della tecnologia. Attualmente si sta verificando un passaggio ad utenti privati- ciò significa che ora è il momento anche degli artisti.

Circa tre anni fa, è iniziato un autentico boom di progetti artistici che usavano il sistema elettronico qui ne possiamo accennare solo alcuni; Uno dei progetti all'avanguardia è "The Thing", avviato nel 1991 a New York dall'artista tedesco-americano, Wolfgang Staehle , che nel frattempo ha dato il via a centri a Colonia, Dusseldorf, Francoforte, Berlino, Vienna e Londra. Insieme a numerosi forum sulla teoria dell’arte arte, notizie e pettegolezzi (voci), e alcune versioni in rete di periodici di arte, "The Thing" ha recentemente iniziato anche a offrire opere d’ arte sotto forma di grafica che si possono scaricare dal personal computer di un utente. Arte come "shareware"( programma disponibile gratuitamente in prova per un certo periodo e se viene accettato occorre pagarlo) in edizione digitale e illimitata, in cambio di una spesa modesta e senza problemi di memorizzazione finché c'è spazio nell’hard drive del PC , senza dubbio un modello che sembra promettente.

Staehle colloca , in modo chiaro,le sue basi teoriche negli anni 60 e cita Joseph Beuys: "quello che ha interessato Beuys è stata la scultura sociale, una produzione artistica fatta congiuntamente da un gruppo o da una comunità". “The Thing�? è proprio come una scultura: essa realizza l'idea di Beuys di democrazia diretta, di comunità politica come struttura sociale.Allo stesso tempo rappresenta un’estensione dell’idea di ciò che l’arte esprime:�?. ( Suddeutsche Zeitung, 22 marzo 1994) Già nel caso di Beuys, nonostante i buoni propositi si è arrivati al culto unico del genio che circonda la persona del maestro. Il progetto è anche piuttosto arcaico fin tanto che "The Thing" tenta di rimanere un sistema in rete di arte indipendente quale, fino ad oggi, con il suo hardware , è rimasta, un'unità autonoma, al di fuori delle strutture di Internet esistenti nel mondo e fino ad ora ha presentato la situazione sociale di arte contemporanea con tutte le sue limitazioni nella rete elettronica.

Lavorando su un server nel noto laboratorio di alta tecnologia del MIT (Massachusetts Institute of Technology), il gruppo austriaco HILUS ha messo a punto lo spazio UnitN a cui si può accedere via internet: un'esposizione virtuale, spazi di ricerca e discussione dove il duo artistico berlinese, Dellbr ugge/de Moll ,sono stati i primi ospiti. Chiunque entra nello spazio, che consiste solo di una descrizione testuale e dialoghi tra utenti, è ricevuto anche dopo le ore di esposizione da Victor e Nadine. Dopo poco, tuttavia, questi due non risultano essere colleghi ma programmi. Quello che rimane è la vista dalla finestra che guarda ad un distretto industriale che, secondo la descrizione, deve essere immaginato come "la tipica Vienna ".Significativo dei progetti in rete menzionati (e i progetti aggiuntivi "Handshake" o "Museum f r Zukunft" di Berlino) è il fatto che operano come collettivo e non sono legati al culto dell'individuo che è invece alla base di ogni carriera artistica. Senza dubbio, sotto questo aspetto,troviamo qui caratteristiche comuni alla Mail Art e l'idea di un’opera d’ arte aperta che nasce solo con la partecipazione dell'osservatore/utente.

Il gruppo "Ponton Media" è un esempio tipico del rapporto che si è creato tra idee di arte intermediale ( tra i media) e dei mezzi elettronici. Nonostante i cambiamenti del nome del gruppo, in 15 anni, il nucleo centrale è rimasto lo stesso: Karel Dudesek, Benjamin Heidersberger, Gerard Couty e, fino a poco tempo fa, Mike Hentz. Le loro radici si trovano nel gruppo chiamato "Minus delta T", che ha raggiunto la notorietà con il progetto Bangkok iniziato nel 1980. L'idea di questo progetto era quella di trasportare in camion una pietra di parecchie tonnellate dall'Inghilterra a Bangkok e rendere questa un'occasione di arte spiegabile con gli eventi e le rappresentazioni nelle città lungo il percorso . Una componente necessaria dell'intero progetto è quella di far uso di tutti i mezzi disponibili per la documentazione e per gli eventi. Con la città contenitore realizzata prima per l'Ars Electronica nel 1986 sotto il titolo "Ponton Projekt", l'uso di mezzi elettronici è venuto alla ribalta.Grazie a questa circostanza , i media non sono più solo mezzi per una fine ma sempre più il veicolo del messaggio stesso. Questo ha condotto, attraverso numerosi passi intermedi, alla "Piazza Virtuale" nell'occasione di documenta 9 del 1992, questo volta con il nome"TV Van Gogh". Qui, per la prima volta, le capacità della televisione come mezzo interattivo è stato messo alla prova. Durante il corso di 100 giorni documenta completi, gli spettatori del progetto potevano intervenire, via telefono, nel programma TV che era stato trasformato in uno schermo multimediale. Nel frattempo, la frase che fa presa (diventata di uso comune)di "televisione interattiva" aveva anche raggiunto gli inserti dei quotidiani. Senza dubbio, la "Piazza Virtuale" era un caso di prova artistica per il futuro dei mezzi di comunicazione di massa. Attualmente, la discussione sulla fusione fra televisione e computer sta proseguendo dappertutto, cioè tra i vecchi sistemi di trasmissione e la rete elettronica. "Ponton Media" ne ha già dato una prova (dimostrazione) all'ultimo Ars Electronica nel 1994, dove gli spettatori hanno partecipato a una discussione con un moderatore dal vivo per mezzo del modem del computer.

L'artista tedesco-americano Ingo Gu nther ha anche fatto un ulteriore passo avanti nel rivendicare il fatto che l’arte può fornire un modello per una realtà futura, direttamente sviluppando l'idea di un intero stato costituito principalmente in rete : la "Repubblica dei Rifugiati",intesa a mettere insieme 19 milioni di rifugiati del mondo per formare uno "stato virtuale" , fornendoli di un'organizzazione politica, che può diventare un "capitale" per il resto del mondo piuttosto che un fardello. “La Repubblica dei Rifugiati�?non ha bisogno di un territorio nazionale nel senso tradizionale".Si possono classificare invece parti dello spettro elettromagnetico come spazio quasi territoriale, fornendo allo stesso basi economiche e leggi pubbliche per la Repubblica dei Rifugiati" La Repubblica dei Rifugiati si basa sulla caratteristica condivisa ( n comune) della differenza, tenuta insieme attraverso reti di informazioni universali (Internet)�? (progetto 1993) Se questo progetto è , per qualcuno, troppo teorico specialmente nel modo riduttivo in cui è stato qui presentato questi dovrebbero rifarsi al progetto Gunther di un'emittente radiofonica pirata della Germania dell’Est che ha iniziato a Lipsia nel 1990 come "Channel X" ed è diventata ora un'emittente radiofonica legale diventerà operativa regolarmente quest’ anno .

La fusione fra TV e PC per formare il TV/PC insinuerà un dubbio di fondo sui confini tra i media individuali e i mass media . Questo aspetto dà agli artisti la possibilità che aspettano per il lancio finale del "loro" mezzo artistico? Ma ciò non rende comunque vuota qualsiasi idea di un contrasto tra mezzi di comunicazione di massa non culturali e una piccola comunità visionaria di artisti ? È l'arte oggi in una posizione tale da dare un colpo all’ efficacia politica o non ha altro compito che soddisfare le norme di "correttezza politica"imposta autonomamente?

Indubbiamente, ci sono basi ideologiche comuni alla comunità globale in rete e la Mail Art. Le parole che fanno presa: , " non commerciale", “cooperativa�? "aprire a tutti", "anti-elititaria ", " collectivo-creativo", "politicamente efficace", ecc ., hanno goduto e godranno di un’alto considerazione sia nei circoli degli artisti sia fra i fanatici. Soprattutto, è l'aspetto anti-commerciale che unisce l'idea di Mail Art, che raggiunge i suoi collezionisti con una consegna gratuita e l'etica di Internet, dove c’è stata finora una legge non scritta per cui nessuna offerta commerciale o pubblicità sarà inserita nel mix. La rete, che cresce e prolifera a ritmi colossali, "è più vicina ad una vera anarchia di qualsiasi cosa ci fosse prima ". (Internet l'esperto Clifford Stoll, Spiegel 32/1994) Tuttavia,considerata la grande estensione della Rete, sta crescendo la pressione commerciale, che viene esercitata su questo enorme potenziale di informazioni.Poiché non c’è-e questo è il lato superficiale dell’anarchia- nessuna legge e nessuna autorità contro l’uso commerciale, sarà quasi impossibile fermare questo processo. Ma forse sotto questo aspetto, l’arte è un passo avanti sui mezzi di comunicazioni: Nel mondo dell’ arte era palese 20 anni fa, che queste utopie finiscono, nel momento in cui il sistema supera una piccola comunità di iniziati.

Questo testo è stato scritto nel settembre 1994. Riflette la situazione prima che iniziasse la discussione sull’Arte in Rete. Il World Wide Web non era ancora il dominio della New Economy e Ray Johnson era ancora vivo.

© Dieter Daniels 1994 pubblicato in: Neue Bildende Kunst, Nr. 5, Berlino, il 1994, S. 14-18 La traduzione russa è pubblicato in: Rivista Terra Incognita, internazionale per cultura contemporanea, Nr. 8, Themenheft segnare l'arte, il 1999, S. 16-19


}}