Cobra

Tratto da EduEDA
Jump to: navigation, search

Contents

Genere o movimento artistico:

Gruppo Cobra, movimento fondato a Parigi nel novembre del 1948 da un gruppo di artisti dell'Europa del Nord in reazione all' Astrazione geometrica e al Realismo socialista. La sigla è costituita dalle prime lettere di COpenaghen, BRuxelles e Amsterdam, capitali dei paesi d'origine dei principali artisti.

Personaggi o Gruppi:

Gli artisti principali del gruppo sono i seguenti: Il danese Jorn Asger, gli olandesi Appel Karel, Nieuwenhuys Anton Constant e Van Beverloo Guillaume Cornelis - Corneille, ed i poeti surrealisti belgi Dotremont Christian (redattore della dichiarazione e inventore del nome del gruppo) e Noiret Joseph.
A questi in seguito si uniranno i pittori Alechinsky Pierre, Pol Bury, Ejler Bille, Jean Michel Atlan, Robert Jacobsen, Karl Otto Götz, Mortensen, Carl Henning Pedersen, Kay Nielsen, Henry Heerup e Joergensen.

Luogo:

Movimento fondato a Parigi che si sviluppa in Olanda, Belgio, Danimarca e nord Europa.

Storia:

Il gruppo Cobra viene costituito in un caffe sul Quai St. Michel a Parigi nel novembre 1948 da un gruppo di sei delegati dissidenti che si staccarono dal convegno del Centro Internazionale per la Documentazione sull’ Arte d’ Avanguardia, a causa della banalità del dibattito.
Il nucleo che firmò una breve dichiarazione redatta dal Belga Christian Dotremont che tra l’altro, una o due settimane dopo, coniò il nome Cobra(Copenaghen-Bruxelles-Amsterdam) era composto, per il gruppo Belga Surrealisme Révoluionnarie da Noiret oltre che dallo stesso Dotremont, per il gruppo Olandese Reflex da Constant, Appel e Corneille, mentre per il Danese Host fu Jorn a firmare.
Inizialmente i singoli gruppi facenti parte di Cobra, agivano in semi-indipendenza.
Cobra raggiunse al massimo della sua espansione circa cinquanta membri fra pittori, poeti, architetti, etnologi e teorici da dieci paesi diversi. Sebbene Cobra funzionasse come collettivo, nel gruppo vi erano tensioni interne principalmente di matrice politica che spinse Dotremont a rompere con il gruppo verso il 1951 data in cui ha inizio lo sgretolarsi del movimento fluendo poi per mano di Jorn e Constant nell’Internazinale Situazioniniste.

Poetica:

Benché di formazione diversa, essi erano mossi da una medesima aspirazione a un'arte "naturale", spontanea, che li portò al rifiuto di ogni intellettualismo e dogmatismo teorico a favore della libera sperimentazione di modi espressivi diretti e intuitivi. La loro fu un'arte provocatoria che rivendicava il diritto al piacere edonistico del gesto creativo risolto in un neoespressionismo materico esasperato.

Le origini di Cobra sono rintracciabili nel surrealismo e più precisamente nelle dottrine spurie del surrealismo come quelle sviluppate in Belgio dove, a differenza del movimento Francese, vi era meno interesse verso il misticismo o l’automatismo.
Se da un lato l'arte dal gruppo Cobra affondava le proprie radici nella vivace arte popolare nordica, dall'altro essa fu il risultato della fusione di alcuni elementi tratti dalle tendenze dell' arte moderna: il ricorso al sogno, al testo letterario e all' "automatismo psichico" della poetica surrealista, l'incisività e arbitrarietà del colore espressionista, la violenza ad un tempo aggressiva e umoristica dell'"art brut' di Dubuffet. Temi privilegiati furono la donna, il bambino, l'uccello, il sole e la luna, ma soprattutto un bestiairio mitologico a metà strada tra il fantastico e il naïf. Il gruppo Cobra critica la definizione bretoniana del surrealismo come “puro automatismo psichico dimostrando che la creatività individuale non può esser spiegata nei termini dei meri fenomeni psichici. Lo stesso Dotremont in una lettera a Jorn identifica nel surrealismo, nell’arte astratta e nel realismo socialista, i pericoli per lo sviluppo autonomo di Cobra inoltre uno dei progetti più importanti del movimento fu il progetto per lo sviluppo di un nuovo ambiente urbano, che presto si sarebbe rivelato in opposizione all’architettura razionalista di Le Corbusier.
Per quanto riguarda le metodologie di lavoro Cobra agisce su più livelli artistici quali Pittura, Poesia, Architettura, essenzialmente proponendo teorie su una nuova libertà popolare, che permetta alle persone di soddisfare i loro desideri creativi, in modo da far assumere all’arte un ruolo rivoluzionario nella società eliminando la posizione di privilegio dell’artista professionista. Le iniziative, quasi tutte gestite da Dotremont e Jorn, vanno dalla pubblicazione dell’omonima rivista (Cobra) a una serie di mostre collettive di pittura e oltre, che erano inoltre momenti di incontri, scambi e convegni.
Uno dei progetti più importanti del movimento fu il progetto dell’Urbanismo Unitario che successivamente Constant sviluppò unendolo alle teorizzazioni dell’Internazionale Situazionista.

Opere:

Correlazioni:

Le origini del gruppo Cobra provengono dal surrealismo.
Il movimento nasce dalla mescolanza del gruppo Reflex fiammingo, del gruppo danese Host e del gruppo belga "Revolutionary Surrealist Group" in reazione all'Astrazione geometrica e al Realismo socialista.
Dall' unione di Cobra, Lettrismo e movimento immaginista nascerà invece l' Internazionale situazionista.

Bibliografia:

  • Home S., 1996, Assalto alla cultura, AAA Edizioni, Venezia.
  • Maurizio Vanni, Gruppo Cobra. Creatività e provocazione, Cambi Editore.

Webliografia: