Discussione:La Societas Raffaello Sanzio: differenze tra le versioni

Tratto da EduEDA
Jump to: navigation, search
Riga 1: Riga 1:
'''La Societas Raffaello Sanzio''' è uno dei gruppi di sperimentazione teatrale italiana più noti e richiesti all'estero.
+
'''La Socìetas Raffaello Sanzio''' è uno dei gruppi di sperimentazione teatrale italiana più noti e richiesti all'estero.
 
[[File:Genesi.jpg|right|thumb|400px|"Genesi", La Societas Raffaello Sanzio]]
 
[[File:Genesi.jpg|right|thumb|400px|"Genesi", La Societas Raffaello Sanzio]]
  
 
==Cognome Nome / Pseudonimo / Denominazione:==
 
==Cognome Nome / Pseudonimo / Denominazione:==
La Societas Raffaello Sanzio
+
La Socìetas Raffaello Sanzio
 
==Biografia:==
 
==Biografia:==
 
Compagnia teatrale che nasce a Cesena nel 1981 da Romeo Castelluci, sua sorella Claudia Castellucci, la moglie Chiara Guidi e suo fratello Paolo Guidi. Lo stretto legame di parentela li tiene uniti e li rende coplici sia nella vita reale che sul palcoscenico. Tutti si introducono nel mondo del teatro con estrema innocenza proveniendo da studi artistici e non teatrali nè tantomeno musicali. Per quello che riguarda lo scenario dell’avanguardia teatrale italiana che fa da cornice alla nascita della compagnia troviamo esponenti come Carmelo Bene, Carlo Quartucci, Leo De Berardinis, Giuliano Scabia. Questi e molti altri intorno agli anni 60-70 portano il teatro fuori dalle sale per metterlo in sintonia con le esperienze innovetive del 900. Gli esponenti di spicco sono rappresentati da Jerzy Grotowski in Polonia, Living Theatre a New York. Prima di questa grande rivoluzione il teatro era ancora rigido nella sua espressione, nel rapporto con il pubblico e nella preminenza dell’aspetto letterario. In questo contesto la Società Raffaello Sanzio si fa strada con fatica attraverso le critiche e le polemiche di chi non accetta in un primo momento un metodo di rappresentazione così stravolgente e innovativo.
 
Compagnia teatrale che nasce a Cesena nel 1981 da Romeo Castelluci, sua sorella Claudia Castellucci, la moglie Chiara Guidi e suo fratello Paolo Guidi. Lo stretto legame di parentela li tiene uniti e li rende coplici sia nella vita reale che sul palcoscenico. Tutti si introducono nel mondo del teatro con estrema innocenza proveniendo da studi artistici e non teatrali nè tantomeno musicali. Per quello che riguarda lo scenario dell’avanguardia teatrale italiana che fa da cornice alla nascita della compagnia troviamo esponenti come Carmelo Bene, Carlo Quartucci, Leo De Berardinis, Giuliano Scabia. Questi e molti altri intorno agli anni 60-70 portano il teatro fuori dalle sale per metterlo in sintonia con le esperienze innovetive del 900. Gli esponenti di spicco sono rappresentati da Jerzy Grotowski in Polonia, Living Theatre a New York. Prima di questa grande rivoluzione il teatro era ancora rigido nella sua espressione, nel rapporto con il pubblico e nella preminenza dell’aspetto letterario. In questo contesto la Società Raffaello Sanzio si fa strada con fatica attraverso le critiche e le polemiche di chi non accetta in un primo momento un metodo di rappresentazione così stravolgente e innovativo.
Riga 11: Riga 11:
 
Anche se a far scattare la vocazione del gruppo è stato uno spettacolo del 1979 del Carrozzone, ”Punto di rottura” in realtà gli artisti prendono come modello le arti visive e quindi hanno come riferimento pittori come Chia, Paladino, Cucchi, Clemente e in seguito si aggiungeranno a questi anche De Dominicis, Nitsch, Bacon e molti altri. All’inizio la compagnia utilizza lo stratagemma dell’ironia per liberarsi da una sorta di cultura e ideologia limitante e si appropria del linguaggio tipico della tradizione sovvertendo in un certo senso i luoghi comuni di cui è permeata la società.
 
Anche se a far scattare la vocazione del gruppo è stato uno spettacolo del 1979 del Carrozzone, ”Punto di rottura” in realtà gli artisti prendono come modello le arti visive e quindi hanno come riferimento pittori come Chia, Paladino, Cucchi, Clemente e in seguito si aggiungeranno a questi anche De Dominicis, Nitsch, Bacon e molti altri. All’inizio la compagnia utilizza lo stratagemma dell’ironia per liberarsi da una sorta di cultura e ideologia limitante e si appropria del linguaggio tipico della tradizione sovvertendo in un certo senso i luoghi comuni di cui è permeata la società.
  
La societas Raffaello Sanzio arriva per la prima volta a Milano nel 1983 con lo spettacolo “I fuoriclasse della bontà”. La rappresentazione Viene messa in scena davanti a una platea quasi deserta e culmina con un surreale dialogo tra Giotto e Cimabue. L’opera è caratterizzata da una forte ironia mescolata da contenuti colti e da gag estetico-filosofiche.
+
La Socìetas Raffaello Sanzio arriva per la prima volta a Milano nel 1983 con lo spettacolo “I fuoriclasse della bontà”. La rappresentazione Viene messa in scena davanti a una platea quasi deserta e culmina con un surreale dialogo tra Giotto e Cimabue. L’opera è caratterizzata da una forte ironia mescolata da contenuti colti e da gag estetico-filosofiche.
  
 
Nel 1984 inizia una nuova fase con lo spettacolo “Kaputt Necropolis” presentato alla biennale di Venezia che rinsalda le fondamenta con la cultura occidentale. In “Santa Sofia. Teatro Khmer” del 1986 vengono messe in discussione la religione e la rivoluzione. L’anno dopo con l’opera “I miserabili” affrontano i temi della politica e della storia e della società dello spettacolo.
 
Nel 1984 inizia una nuova fase con lo spettacolo “Kaputt Necropolis” presentato alla biennale di Venezia che rinsalda le fondamenta con la cultura occidentale. In “Santa Sofia. Teatro Khmer” del 1986 vengono messe in discussione la religione e la rivoluzione. L’anno dopo con l’opera “I miserabili” affrontano i temi della politica e della storia e della società dello spettacolo.
Riga 27: Riga 27:
 
http://www.raffaellosanzio.org/
 
http://www.raffaellosanzio.org/
 
==Poetica:==
 
==Poetica:==
La Societas Raffaello Sanzio elabora una tipologia di teatro basata per lo più sulla potenza visiva, plastica e sonora della scena. Romeo Castellucci autore e regista è il fautore delle scene, dei costumi e delle luci seguendo come stile la composizione drammatica. E' conosciuto in Italia e all'estero come autore di un teatro costituito da espressioni artistiche nella loro totalità e le sue opere tendono ad essere percepite integralmente. Le scene teatrali non sono semolici rappresentazioni di una narrazione, non c'è la letteratura come elemento predominante, ma la scenografia diventa espressione di un'arte visionaria e totale. Ne deriva un linguaggio comprensibile per qualsiasi pubblico in qualsiasi parte del mondo come può essere la musica, la pittura e la scultura. La Societas Raffaello Sanzio quindi intende il teatro come arte che racchiude tutte le altre arti e che comprende un coinvolgimento di tutti i sensi. Gli impianti visivi e sonori si possono basare sul vecchio artifìgianato teatrale o sulle tecnologie digitali permettendo un impatto visivo travolgente. Gli spettacoli si distinguono per una forte ricerca sperimentale tipica dei movimenti d'avanguardia e si sviluppano in un teatro immagine che affronta in maniera provocatoria i temi del mito e dell'iconografia sacra. Giuseppe Bertolucci, uno dei più autorevoli paladini dell’avanguardia teatrale, scrive al riguardo della compagnia di quanto riesca ad esprimere il primitivo “con tanta grazia da lasciare indifesi”.<ref>Romeo Castellucci & Socìetas Raffaello Sanzio, Oliviero Ponte di Pino, Doppiozero, 2013</ref>  
+
La Socìetas Raffaello Sanzio elabora una tipologia di teatro basata per lo più sulla potenza visiva, plastica e sonora della scena. Romeo Castellucci autore e regista è il fautore delle scene, dei costumi e delle luci seguendo come stile la composizione drammatica. E' conosciuto in Italia e all'estero come autore di un teatro costituito da espressioni artistiche nella loro totalità e le sue opere tendono ad essere percepite integralmente. Le scene teatrali non sono semolici rappresentazioni di una narrazione, non c'è la letteratura come elemento predominante, ma la scenografia diventa espressione di un'arte visionaria e totale. Ne deriva un linguaggio comprensibile per qualsiasi pubblico in qualsiasi parte del mondo come può essere la musica, la pittura e la scultura. La Societas Raffaello Sanzio quindi intende il teatro come arte che racchiude tutte le altre arti e che comprende un coinvolgimento di tutti i sensi. Gli impianti visivi e sonori si possono basare sul vecchio artifìgianato teatrale o sulle tecnologie digitali permettendo un impatto visivo travolgente. Gli spettacoli si distinguono per una forte ricerca sperimentale tipica dei movimenti d'avanguardia e si sviluppano in un teatro immagine che affronta in maniera provocatoria i temi del mito e dell'iconografia sacra. Giuseppe Bertolucci, uno dei più autorevoli paladini dell’avanguardia teatrale, scrive al riguardo della compagnia di quanto riesca ad esprimere il primitivo “con tanta grazia da lasciare indifesi”.<ref>Romeo Castellucci & Socìetas Raffaello Sanzio, Oliviero Ponte di Pino, Doppiozero, 2013</ref>  
  
 
==Opere:==
 
==Opere:==
Riga 90: Riga 90:
  
 
==Bibliografia:==
 
==Bibliografia:==
* Romeo Castellucci & Societas Raffaello Sanzio, Oliviero Ponte Di Pino, Doppiozero, 2013
+
* Romeo Castellucci & Socìetas Raffaello Sanzio, Oliviero Ponte Di Pino, Doppiozero, 2013
 
==Webliografia:==
 
==Webliografia:==
 
* [http://www.doppiozero.com/materiali/speciali/incontro-con-romeo-castellucci Intervista a Romeo Castellucci]
 
* [http://www.doppiozero.com/materiali/speciali/incontro-con-romeo-castellucci Intervista a Romeo Castellucci]

Revisione 00:02, 13 Dic 2014

La Socìetas Raffaello Sanzio è uno dei gruppi di sperimentazione teatrale italiana più noti e richiesti all'estero.

"Genesi", La Societas Raffaello Sanzio

Cognome Nome / Pseudonimo / Denominazione:

La Socìetas Raffaello Sanzio

Biografia:

Compagnia teatrale che nasce a Cesena nel 1981 da Romeo Castelluci, sua sorella Claudia Castellucci, la moglie Chiara Guidi e suo fratello Paolo Guidi. Lo stretto legame di parentela li tiene uniti e li rende coplici sia nella vita reale che sul palcoscenico. Tutti si introducono nel mondo del teatro con estrema innocenza proveniendo da studi artistici e non teatrali nè tantomeno musicali. Per quello che riguarda lo scenario dell’avanguardia teatrale italiana che fa da cornice alla nascita della compagnia troviamo esponenti come Carmelo Bene, Carlo Quartucci, Leo De Berardinis, Giuliano Scabia. Questi e molti altri intorno agli anni 60-70 portano il teatro fuori dalle sale per metterlo in sintonia con le esperienze innovetive del 900. Gli esponenti di spicco sono rappresentati da Jerzy Grotowski in Polonia, Living Theatre a New York. Prima di questa grande rivoluzione il teatro era ancora rigido nella sua espressione, nel rapporto con il pubblico e nella preminenza dell’aspetto letterario. In questo contesto la Società Raffaello Sanzio si fa strada con fatica attraverso le critiche e le polemiche di chi non accetta in un primo momento un metodo di rappresentazione così stravolgente e innovativo.

La rappresentazione teatrale viene quindi fortemente svincolata dal testo narrativo e dalla raffigurazione tradizionale. Anche dove lo spettacolo prende spunto da temi teatrali conosciuti come l'Amleto, e l'Orestea le manifestazioni sceniche sono riviste con una metodologia espressiva totalmente differente che comprende la videoinstallazione, la musica e l'happening. Inoltre stringono una stretta collaborazione con Plastikart, ditta che si occupa della realizzazione di scenografie particolari, automi e oggetti di scena complessi. L'esordio avviene nel 1981 realizzando ”Diade incontro a Monade” dove i protagonisti duellano con armi di legno, spostano carni bovine sulla scena e caricano l’azione di elementi surreali e simbolici. Stessa cosa succede in “Persia mondo uno a uno” realizzato lo stesso anno. Nel 1982 seguono “Popolo zuppo”, “Maiali anziani malandati” e l’anno successivo “Fuoriclasse della bontà”.

Anche se a far scattare la vocazione del gruppo è stato uno spettacolo del 1979 del Carrozzone, ”Punto di rottura” in realtà gli artisti prendono come modello le arti visive e quindi hanno come riferimento pittori come Chia, Paladino, Cucchi, Clemente e in seguito si aggiungeranno a questi anche De Dominicis, Nitsch, Bacon e molti altri. All’inizio la compagnia utilizza lo stratagemma dell’ironia per liberarsi da una sorta di cultura e ideologia limitante e si appropria del linguaggio tipico della tradizione sovvertendo in un certo senso i luoghi comuni di cui è permeata la società.

La Socìetas Raffaello Sanzio arriva per la prima volta a Milano nel 1983 con lo spettacolo “I fuoriclasse della bontà”. La rappresentazione Viene messa in scena davanti a una platea quasi deserta e culmina con un surreale dialogo tra Giotto e Cimabue. L’opera è caratterizzata da una forte ironia mescolata da contenuti colti e da gag estetico-filosofiche.

Nel 1984 inizia una nuova fase con lo spettacolo “Kaputt Necropolis” presentato alla biennale di Venezia che rinsalda le fondamenta con la cultura occidentale. In “Santa Sofia. Teatro Khmer” del 1986 vengono messe in discussione la religione e la rivoluzione. L’anno dopo con l’opera “I miserabili” affrontano i temi della politica e della storia e della società dello spettacolo.

Nel 1989 arriva a Milano nell’ex chiesa di San Carpoforo lo spettacolo “La discesa di Inanna” dove la messa in scena del mito sumero diventa il pretesto per mettere in discussione archetipi presenti e passati. "Gilgamesh" arriva nel 1990 e ha come tema sempre il recupero del mito, trattando lo scontro fra l’eroe e il suo rivale alter ego Enkidu. Seguono nel 1991 "Iside" e "Osiride".

Il 1992 è la volta di “Amleto La veemente esteriorità della morte di un mollusco", dove il mito di Amleto viene a mano a mano decostruito in maniera provocatoria ed estrema e la figura dell'attore recuperando il significato liturgico e sacrificale. L’anno successivo arriva il cupo e violento ”Masoch. I trionfi del teatro come potenza passiva, colpa e sconfitta", che però viene accolto con freddezza. Nel 1994 organizzano “Festa Plebea” dove si discute del rapporto cultura e istituzioni. L’anno successivo realizzano “Orestea (una commedia organica?) e il punto di arrivo di una fase di ricerca giunge con l’opera “Genesi. From the museum of sleep” del 1999 e per la composizione musicale collaborano con Scott Gibbons, compositore americano di musica ellettronica e elettroacustica. Da qui in avanti la cooperazione si è cosolidata ed è continuata nel tempo.

Nel 2000 alla compagnia viene riconosciuto il Premio Europa Nuove Realtà Teatrali e dal 2002 fino al 2004 iniziano a sviluppare un ciclo drammatico sulla Tragedia Endogonidia diviso in 11 episodi.

Nel 2006 realizzano "Hey, girl!" seguito da "Madrigale appena narrabile" del 2007.

Nel 2011 invece l'opera "Sul concetto di volto nel figlio di Dio" viene considerata blasfema e oggetto di denuncia da parte di un gruppo di cattolici. Nel solito anno presentano “Attore, il tuo nome non è esatto”, una riflessione sulla figura dell’attore non vista più come colui che agisce ma come figura influenzata da altre forze tra cui lo spettatore.

Sito web:

http://www.raffaellosanzio.org/

Poetica:

La Socìetas Raffaello Sanzio elabora una tipologia di teatro basata per lo più sulla potenza visiva, plastica e sonora della scena. Romeo Castellucci autore e regista è il fautore delle scene, dei costumi e delle luci seguendo come stile la composizione drammatica. E' conosciuto in Italia e all'estero come autore di un teatro costituito da espressioni artistiche nella loro totalità e le sue opere tendono ad essere percepite integralmente. Le scene teatrali non sono semolici rappresentazioni di una narrazione, non c'è la letteratura come elemento predominante, ma la scenografia diventa espressione di un'arte visionaria e totale. Ne deriva un linguaggio comprensibile per qualsiasi pubblico in qualsiasi parte del mondo come può essere la musica, la pittura e la scultura. La Societas Raffaello Sanzio quindi intende il teatro come arte che racchiude tutte le altre arti e che comprende un coinvolgimento di tutti i sensi. Gli impianti visivi e sonori si possono basare sul vecchio artifìgianato teatrale o sulle tecnologie digitali permettendo un impatto visivo travolgente. Gli spettacoli si distinguono per una forte ricerca sperimentale tipica dei movimenti d'avanguardia e si sviluppano in un teatro immagine che affronta in maniera provocatoria i temi del mito e dell'iconografia sacra. Giuseppe Bertolucci, uno dei più autorevoli paladini dell’avanguardia teatrale, scrive al riguardo della compagnia di quanto riesca ad esprimere il primitivo “con tanta grazia da lasciare indifesi”.[1]

Opere:

  • Santa Sofia.Teatro Khmer (1985)
  • Kaputt Necropolis (1984)
  • Miserabili (1986)
  • Alla bellezza tanto antica (1987)
  • La discesa di Inanna (1989)
  • Gilgamesh (1990)
  • Amleto. La veemente esteriorità della morte di un mollusco (1992)
  • Favole di Esopo (1992)
  • Masoch. I trionfi del teatro come potenza passiva, colpa e sconfitta (1993)
  • Lucifero. Quanto più una parola è vecchia tanto più va a fondo (1993)
  • Orestea (Una commedia organica?) (1995)
  • Buchettino (1995)
  • Giulio Cesare (1997)
  • Genesi. From the museum of sleep (1999)
  • Ciclo "Tragedia Endogonidia":
    • C.#01 CESENA. I Episodio della Tragedia Endogonidia (2002)
    • A.#02 AVIGNON. II Episodio della Tragedia Endogonidia (2002)
    • B.#03 BERLIN. III Episodio della Tragedia Endogonidia (2003)
    • BR.#04 BR.#04 BRUXELLES/BRUSSEL. IV Episodio della Tragedia Endogonidia (2003)
    • BN.#05 BERGEN. V Episodio della Tragedia Endogonidia (2003)
    • P.#06 PARIS. VI Episodio della Tragedia Endogonidia (2003)
    • R.#07 ROMA. VII Episodio della Tragedia Endogonidia (2003)
    • S.#08 STRASBOURG. VIII Episodio della Tragedia Endogonidia (2004)
    • L.#09 LONDON. IX Episodio della Tragedia Endogonidia (2004)
    • M.#10 MARSEILLE. X Episodio della Tragedia Endogonidia (2004)
    • C.#11 CESENA. XI Episodio della Tragedia Endogonidia (2004)
  • The Cryonic Chants (2005)
  • Hey Girl! (2006)
  • Vexilla Regis Prudent Inferni (2007)
  • Madrigale Appena Narrabile (2007)
  • Ciclo "La Divina Commedia":
    • Inferno (2008)
    • Purgatorio (2008)
    • Paradiso (2008)
  • Parsifal (2011)
  • Ciclo "Il velo nero del pastore":
    • Sul concetto di volto nel figlio di Dio (2010)
    • Il velo nero del pastore (2011)
    • Four Seasons Restaurant (2012)
  • Schwanengesang D744 (2013)

Elenco esposizioni (anno, titolo, curatela, luogo, città):

File multimediali:

Video:

Audio:

Altro:

Augmented reality:

Latitudine:

Longitudine:

Link verso portali di augmented reality

Bibliografia:

  • Romeo Castellucci & Socìetas Raffaello Sanzio, Oliviero Ponte Di Pino, Doppiozero, 2013

Webliografia:

Note:

  1. Romeo Castellucci & Socìetas Raffaello Sanzio, Oliviero Ponte di Pino, Doppiozero, 2013

Tipo di scheda:

InteractiveResource

Soggetto (categoria) da Thesaurus Pico Cultura Italia:

Soggetto (categoria, tags) a testo libero:

Voci correlate: