Faust IV

Tratto da EduEDA
Jump to: navigation, search

Titolo: Faust IV

Autore: Faust

Anno: 1973

Descrizione: è il quarto album dei Faust ed è prodotto dalla Virgin, ultimo disco (di art rock) prima dello scioglimento. Tra tutte le sperimentazioni degli album precedenti, questa è la più messa a fuoco e si capisce che la band è perfettamente in grado di dare forma anche a “canzoni�?. Questo disco conferma l'abilità della band nel saper sfruttare pienamente le potenzialità dello studio di registrazione, soprattutto per quel che riguarda l’impiego dei nastri (montaggi, incroci, dissolvenze). Anche se più calmo e musicale degli altri, questo album è ancora infestato dai rumori elettronici ed è vicino al folk. Il pezzo forte di tutto il disco è la traccia iniziale Kraut-rock, che segna uno dei vertici dell'arte dei Faust: è un mix sperimentale di dodici minuti, un misto di sonorità tra gli esperimenti di John Cage ed il minimalismo tipico di Philip Glass. È l’esempio più eclatante della “kosmische musik�?. La canzone The Sad Skinhead spiazza con il suo bozzetto reggae-rock demenziale con un testo esilarante. All’estremo opposto c’è l’oscurità, o il punto più basso della depressione faustiana (dipende dai punti di vista) di Jennifer, canzone che si sviluppa tra rimbombi di basso e tappeti di tastiere, per concludersi con un’improvvisazione free-jazz. Lauft è un interludio per organo e tastiere: parte come una parodia dei chansonniers parigini per svilupparsi in un pezzo di ambient music. Just a Second combina una sequenza di riff chitarristici (alcuni dei più incalzanti del gruppo) e vibrazioni. Giggy Smile è un numero da music hall d’altri tempi, con bizzarre percussioni e strappi chitarristici, e può sembrare fuori luogo nello spirito cupo del disco. It’s a Bit of a Pain chiude il disco nel segno dell'elettronica, stravolgendo l’impalcatura della folk-ballade. In questo album i Faust riescono ad amalgamare rock, progressive, jazz, folk, minimalismo, noise, elettronica, proto-industrial, pop e classica moderna.

Webliografia:

http://www.scaruffi.com

http://www.kalporz.com/

http://www.ondarock.it/Faust.html