Haring Keith: differenze tra le versioni

Tratto da EduEDA
Jump to: navigation, search
Riga 2: Riga 2:
  
 
Keith Haring nasce a Kutztown, Pennsylvania, il 4 maggio 1958. L’interesse per le arti visive nasce sin da piccolo perché influenzato dal padre fumettista e disegnatore di cartoni animati, da cui prende spunto per elaborare una propria concezione grafica fatta di segni stilizzati che diventeranno poi parte della sua poetica. Cresce così sempre di più l’interesse per l’arte moderna e per l’arte in genere infatti dopo il liceo si iscrive alla Ivy School of professional art" di Pittsburgh che non lo soddisfa a pieno e che lo porta a decisione di abbandonare la scuola. Decide così di trovare ispirazione girando per qualche anno e in autostop per tutto il paese. Al suo rientro nel 1976 si iscrive all’Università di Pittsburgh dove, qualche anno dopo viene coinvolto nel progetto "Pittsburgh Art" e nel "Crafts Center" dove tenne la sua prima rilevante mostra: inizia così la sua carriera artistica. Il passo decisivo però arriva con il suo trasferimento a new York dove iniziò a farsi notare attraverso piccole opere realizzate sui cartelloni pubblicitari della metropolitana, cominciando a divulgare la poetica della sua arte classificata “popolare? perché non elitaria, ma destinata a tutti.
 
Keith Haring nasce a Kutztown, Pennsylvania, il 4 maggio 1958. L’interesse per le arti visive nasce sin da piccolo perché influenzato dal padre fumettista e disegnatore di cartoni animati, da cui prende spunto per elaborare una propria concezione grafica fatta di segni stilizzati che diventeranno poi parte della sua poetica. Cresce così sempre di più l’interesse per l’arte moderna e per l’arte in genere infatti dopo il liceo si iscrive alla Ivy School of professional art" di Pittsburgh che non lo soddisfa a pieno e che lo porta a decisione di abbandonare la scuola. Decide così di trovare ispirazione girando per qualche anno e in autostop per tutto il paese. Al suo rientro nel 1976 si iscrive all’Università di Pittsburgh dove, qualche anno dopo viene coinvolto nel progetto "Pittsburgh Art" e nel "Crafts Center" dove tenne la sua prima rilevante mostra: inizia così la sua carriera artistica. Il passo decisivo però arriva con il suo trasferimento a new York dove iniziò a farsi notare attraverso piccole opere realizzate sui cartelloni pubblicitari della metropolitana, cominciando a divulgare la poetica della sua arte classificata “popolare? perché non elitaria, ma destinata a tutti.
Ad incoraggiare la sua produzione artistica furono [[Warhol Andy | Andy Warhol]] e Basquiat. Egli incominciò a dipingere non solo sui muri ma su qualsiasi cosa si ritrovava sotto mano:  oggetti vari, macchine, magliette e quant’altro. Il successo delle sue esposizioni che erano sempre seguitissime, continuava sempre a crescere ma la il solenne riconoscimento avvenne nel 1986, all’apertura del suo celebre negozio chiamato Pop Shop, a quattro anni dalla sua scomparsa a causa dell’AIDS.
+
Ad incoraggiare la sua produzione artistica furono [[Warhol Andy | Andy Warhol]] e [[Basquiat Jean-Michel | Jean-Michel Basquiat]]. Egli incominciò a dipingere non solo sui muri ma su qualsiasi cosa si ritrovava sotto mano:  oggetti vari, macchine, magliette e quant’altro. Il successo delle sue esposizioni che erano sempre seguitissime, continuava sempre a crescere ma la il solenne riconoscimento avvenne nel 1986, all’apertura del suo celebre negozio chiamato Pop Shop, a quattro anni dalla sua scomparsa a causa dell’AIDS.

Revisione 20:38, 24 Mag 2006

Biografia

Keith Haring nasce a Kutztown, Pennsylvania, il 4 maggio 1958. L’interesse per le arti visive nasce sin da piccolo perché influenzato dal padre fumettista e disegnatore di cartoni animati, da cui prende spunto per elaborare una propria concezione grafica fatta di segni stilizzati che diventeranno poi parte della sua poetica. Cresce così sempre di più l’interesse per l’arte moderna e per l’arte in genere infatti dopo il liceo si iscrive alla Ivy School of professional art" di Pittsburgh che non lo soddisfa a pieno e che lo porta a decisione di abbandonare la scuola. Decide così di trovare ispirazione girando per qualche anno e in autostop per tutto il paese. Al suo rientro nel 1976 si iscrive all’Università di Pittsburgh dove, qualche anno dopo viene coinvolto nel progetto "Pittsburgh Art" e nel "Crafts Center" dove tenne la sua prima rilevante mostra: inizia così la sua carriera artistica. Il passo decisivo però arriva con il suo trasferimento a new York dove iniziò a farsi notare attraverso piccole opere realizzate sui cartelloni pubblicitari della metropolitana, cominciando a divulgare la poetica della sua arte classificata “popolare�? perché non elitaria, ma destinata a tutti. Ad incoraggiare la sua produzione artistica furono Andy Warhol e Jean-Michel Basquiat. Egli incominciò a dipingere non solo sui muri ma su qualsiasi cosa si ritrovava sotto mano: oggetti vari, macchine, magliette e quant’altro. Il successo delle sue esposizioni che erano sempre seguitissime, continuava sempre a crescere ma la il solenne riconoscimento avvenne nel 1986, all’apertura del suo celebre negozio chiamato Pop Shop, a quattro anni dalla sua scomparsa a causa dell’AIDS.