Kaprow Allan: differenze tra le versioni

Tratto da EduEDA
Jump to: navigation, search
Riga 18: Riga 18:
  
  
[[categoria:Kaprow Allan]]
+
[[categoria:Scheda Kaprow Allan]]

Revisione 00:07, 19 Feb 2005

Questo articolo è solo un abbozzo (stub). Se puoi contribuisci adesso a migliorarlo. - Per l'elenco completo degli stub, vedi la relativa categoria

Personaggio o Gruppo: Kaprow Allan

Biografia: Allan Kaprow nasce nel 1927 ad Atlantic City, New-Jersey. Nella sua breve e intensa carriera, Kaprow passa da un interesse per l’espressionismo astratto (Jackson Pollock) e per il collage che incorpora pitture a più livelli all’assemblaggio. Si iscrive alla scuola di pittura di Hans Hofmann (1947-48) con il quale comincia a sviluppare quello stile espressivo ed energico di action painting, basato sui paesaggi e sulle figure reali, che lo avrebbe condotto successivamente, attraverso un certo numero di tappe ben definite e documentate, agli Happenings di una decade dopo e che sono diventati una pietra di paragone per quasi ogni discussione dei nuovi media in riferimento all’interattività nell’arte. Dal 1956 al 1958 Kaprow studia composizione musicale con il compositore di avanguardia John Cage alla New School for Social Research a Manhattan. Nel 1957-58 Kaprow comincia a creare lavori ambientali che richiedono la partecipazione del pubblico (influenzato da Cage) e questa integrazione di spazio, materiali, tempo e persone lo conduce finalmente ai pezzi più sperimentali ed allo sviluppo dei suoi happenings, un termine che conia nel 1959. Kaprow ora insegna al Dipartimento di Arte Visiva dell'Università della California a San Diego.

Sito web:

Poetica: Il termine “Happenings�? è stato usato per descrivere molti spettacoli ed eventi, organizzati da Allan Kaprow e da altri durante gli anni 50’ e 60’, che comprendevano un numero di produzioni teatrali in cui tradizionalmente si invitava il pubblico una limitata interazione (es. applausi): l’idea dell’interattività associata agli Happenings ispirò profondamente molti artisti per decadi. Kaprow scrisse: «Alcuni di noi probabilmente diventeranno famosi. Sarà una fama ironica costruita largamente da quelli che non hanno mai visto il nostro lavoro». Gli Happenings raggiunsero tale fama perché provocarono il desiderio di rompere la distinzione tra creatore e pubblico – un desiderio ora centrale per molti professionisti dei nuovi media.

Opere: 18 Happenings in 6 Parts (1959)

Bibliografia:

Webliografia: