La Ficheide: differenze tra le versioni

Tratto da EduEDA
Jump to: navigation, search
 
Riga 3: Riga 3:
  
 
'''ANNIBAL CARO, ''La ficheide'''''<br>   
 
'''ANNIBAL CARO, ''La ficheide'''''<br>   
Commento di Ser Agreste da Ficaruolo sopra la prima ficata del Padre Siceo ''In fine'':  Stampata in Baldaceo per Barbagrigia da Bengodi, con grazia e privilegio della bizzarrissima Accademia de' Virtuosi, e con espresso protesto loro, che tutti quelli che la ristamperanno, o ristampata la leggeranno in peggior forma di questa, così Stampatori come Lettori, s'intendono infami e in disgrazia delle puttanissime e infocatissime lingue e penne loro. Uscita fuora co' Fichi alla prima acqua d'agosto 1539.<br>  
+
Commento di Ser Agreste da Ficaruolo sopra la prima ficata del Padre Siceo.<br>    Stampata in Baldaceo per Barbagrigia da Bengodi, con grazia e privilegio della bizzarrissima Accademia de' Virtuosi, e con espresso protesto loro, che tutti quelli che la ristamperanno, o ristampata la leggeranno in peggior forma di questa, così Stampatori come Lettori, s'intendono infami e in disgrazia delle puttanissime e infocatissime lingue e penne loro. Uscita fuora co' Fichi alla prima acqua d'agosto 1539.<br>  
 
<br>  
 
<br>  
  

Versione attuale delle 21:42, 6 Nov 2009

Paolo della Bella, Nudo "en plein air", 2004

ANNIBAL CARO, La ficheide
Commento di Ser Agreste da Ficaruolo sopra la prima ficata del Padre Siceo.
Stampata in Baldaceo per Barbagrigia da Bengodi, con grazia e privilegio della bizzarrissima Accademia de' Virtuosi, e con espresso protesto loro, che tutti quelli che la ristamperanno, o ristampata la leggeranno in peggior forma di questa, così Stampatori come Lettori, s'intendono infami e in disgrazia delle puttanissime e infocatissime lingue e penne loro. Uscita fuora co' Fichi alla prima acqua d'agosto 1539.


Proemio del commentatore.
«Il soggetto sono i Fichi, o le Fiche; ché nell'un modo e nell'altro sono chiamati dall'Autore, con tutto che i toscani se ne scandalizzano, perché vorrebbero i fichi sempre nel genere del maschio. La qual cosa (in questo luogo massimamente) non mi dà briga, né anco presto lor gran fede; sapendo che s'intendono piuttosto dell'altre frutte, che di questa. Oltre che, potrei io mostrar loro, che si trovano Fichi maschi, e Fiche femmine; ed allegherei da un canto le Fiche lesse, le Fiche pazze, dall'altro i Fichi Atteroni, i Fichi delle Tribadi, il Fico di Modena, di che altra volta abbiamo disputato nella Diceria di santa Nafissa: ed addurrei mille altre ragioni, che muovono l'Autore a così chiamarle; le quali mi passerò per non intricarmi fuor di proposito nella questione del Valla, che, per dichiarare i generi e le dichiarazioni dei Fichi, fece anc'egli una ficata, ed uno scompiglio di grammatica, che non lo intenderebbe Varquatù».


'