Lagarrigue Jerome

Tratto da EduEDA
Versione del 19 Mag 2012 alle 08:34 di Cristina (Discussione | contributi)

(diff) ←Older revision | view current revision (diff) | Newer revision→ (diff)
Jump to: navigation, search

Personaggio:

Jerome Lagarrigue

Biografia:

Nato nel 1973 e vissuto a Parigi fino all’età di 18 anni, periodo in cui partì per gli Stati Uniti, narratore di sensazioni intense e vibranti, Jerome Lagarrigue ama osservare la gente e le strade che animano le grandi metropoli. La sua adolescenza è attraversata da fermenti creative ed esigenze espressive che lo avvicinano al mondo del writing e in seguito a quello dell’arte accademica. Diplomato alla scuola di Design di Rhode Island nel 1996, Jerome comincia a realizzare i suoi primi lavori su commissione, collaborando con riviste e artisti noti in tutto il mondo. Importanti case editrici lo chiamano per illustrare libri per bambini e i suoi lavori vengono esposti durante mostre collettive organizzate a Brodway e presso l’Università di Harward. Nel ’98 Jerome divenne docente di pittura presso la Parson School of Design e oggi condivide la sua passione creativa con gli artisti del futuro.

Sito web:

http://jeromelagarrigue.com/

Poetica:

Ciò che dipinge è l’annotazione di un particolare momento che colpisce la sua sensibilità, come un volto carico d’emozione o l’atmosfera vibrante che avvolge un angolo di strada. Dipinge anche i membri della sua famiglia e le persone che gli stanno vicino. Quando realizza un ritratto cera di rubare istanti e sensazioni che solitamente sfuggono a un primo sguardo,m a traspaiono quando il soggetto è in riflessione, magari immerso nella sua realtà quotidiana. Jerome chiama questa fase “nel succedersi”, proprio perché è nei brevi attimi in cui le persone in cui lasciano cadere la loro maschera sociale che si libera il loro “io”. I suoi dipinti catturano questo fenomeno, magari attraverso la rappresentazione di uno sguardo. Nei suoi quadri cerca sempre di utilizzare delle composizioni più semplici e dirette possibili. Cerca di colpire il pubblico con l’utilizzo di setole morbide colori grezzi e tele molto ampie. Il suo obbiettivo è quello di ritrarre in qualche modo, l’emozione che lo ha ispirato.

Opere:

“lea” olio su tela 250x200cm-2006,

“fragments”olio su tela 250x200cm-2006,

“eyes”olio su tela 50x60cm-2006,

“aldo”olio su tela 106x106cm-2002,

“colosseo-1”olio su tela 50x50cm-2006.

Bibliografia:

defrag magazine number 5 – 2004,

Mass apeal 34.

Webliografia: