Minimal TV

Tratto da EduEDA
Versione del 23 Feb 2006 alle 01:52 di Dedalus (Discussione | contributi) (Webliografia)

Jump to: navigation, search

Genere o movimento artistico: Minima TV

Personaggi o Gruppi

gruppo Quinta Parete: Federico Bucalossi, Vanni Cilluffo, Francesco Galluzzi, Claudio Parrini , Giacomo Verde

Luogo

Vinci

Storia

La Minimal TV ha debuttato a Vinci dal 23 al 26 luglio 1996 (chiamandosi Vinci Minimal TV) in occasione del festival "Multiscena: rassegna di eventi ed arti sceniche", ha trasmesso ogni sera dalla Biblioteca Leonardiana di Vinci su tre monitor e un videoproiettore collocati in zone strategiche dell'area del castello. Minimal TV ha "replicato" le sue trasgressive e sgangherate trasmissioni a Empoli il 25 e il 26 Ottobre 1996 nel suggestivo Chiostro degli Agostiniani in occasione della rassegna multidisciplinare "Under 30", adottando il nome "U3 minimal Tv".

Poetica

La Minimal TV, ideata e realizzata dal gruppo Quinta Parete (Federico Bucalossi, Claudio Parrini, Giacomo Verde, nni Cilluffo, Francesco Galluzzi, Vania Pucci, Alessandro Barbadoro, Renzo Bordini) si è auto-definita la televisione più piccola del mondo. La filosofia che anima il progetto è sintetizzabile in “la tv è di chi la fa�?, «trasmette i suoi programmi via cavo su alcuni monitor disposti per strada o in alcuni luoghi pubblici. Può funzionare in occasione di sagre di paese, mostre d'arte, eventi di strada, scuole, feste private, matrimoni, ecc... situazioni insomma dove si svolge un evento che coinvolge in maniera particolare i partecipanti»1. La peculiarità della minimal TV non sta tanto nella produzione di particolari format e/o contenuti televisivi, quanto nell'aver 'inventato' un kit di trasmissione televisiva a costi accessibili a chiunque. L'operazione della Minimal TV intende demistificare e ridimensionare gli attori e gli eventi appartenenti alla TV: è la vecchia utopia dello spett-Attore e la speranza di una televisione basata sulla partecipazione attiva di un pubblico finalmente in grado di comprendere i meccanismi di costruzione di senso che soggiacciono all'immagine video.

Correlazioni

L'approccio artigianale del fare televisione con mezzi 'poveri' (videoregistratori, televisioni, videoproiettori, telecamere amatoriali) ha precedenti illustri nel gesto di Nam June Paik, quando nel 1965, acquistato uno dei primi modelli in commercio di telecamera amatoriale, realizza estemporaneamente un video che documenta i primi momenti di vita della telecamera: dal negozio a casa dell'artista attraverso il traffico di New York – traffico particolarmente blindato vista la visita a New York di Papa Paolo VI. Il video senza essere in alcun modo montato viene proiettato la sera stessa al Cafè GoGo.

Webliografia

http://www.leonet.it/art/giallomare/minimal.html

http://www.verdegiac.org/repertorio/min-tv.htm

http://www.ngvision.org/mediabase/357 Il demo della minimal TV