Mobile art: differenze tra le versioni

Tratto da EduEDA
Jump to: navigation, search
(Webliografia:)
Riga 12: Riga 12:
  
 
==Poetica:==
 
==Poetica:==
Per Mobile art s’intende quella particolare forma d’arte che, sfruttando le potenzialità comunicative dei telefoni cellulari di ultima generazione, crea e diffonde via MMS vere e proprie opere multimediali, basate su un’eclettica combinazione di suono, immagine e movimento. L’idea, partita nel 2004 dalla casa produttrice nipponica Nokia, che a tale scopo aveva ingaggiato – tra gli altri – il videoartista coreano Nam June Paik (recentemente scomparso) e la scultrice francese Louise Bourgeois, oggi, ormai definitivamente sganciata dall’ambito pubblicitario, viene ospitata nei maggiori spazi espositivi del mondo.
+
Per Mobile art s’intende quella particolare forma d’arte che, sfruttando le potenzialità comunicative dei telefoni cellulari di ultima generazione, crea e diffonde via MMS vere e proprie opere multimediali, basate su un’eclettica combinazione di suono, immagine e movimento. L’idea, partita nel 2004 dalla casa produttrice nipponica Nokia, che a tale scopo aveva ingaggiato – tra gli altri – il videoartista coreano Nam June Paik (recentemente scomparso) e la scultrice francese [[Louise Bourgeois]], oggi, ormai definitivamente sganciata dall’ambito pubblicitario, viene ospitata nei maggiori spazi espositivi del mondo.
  
 
==Opere:==
 
==Opere:==

Revisione 14:14, 31 Gen 2010

Genere o movimento artistico:

Mobile art

Personaggi o Gruppi:

Luogo:

Storia:

2004

Poetica:

Per Mobile art s’intende quella particolare forma d’arte che, sfruttando le potenzialità comunicative dei telefoni cellulari di ultima generazione, crea e diffonde via MMS vere e proprie opere multimediali, basate su un’eclettica combinazione di suono, immagine e movimento. L’idea, partita nel 2004 dalla casa produttrice nipponica Nokia, che a tale scopo aveva ingaggiato – tra gli altri – il videoartista coreano Nam June Paik (recentemente scomparso) e la scultrice francese Louise Bourgeois, oggi, ormai definitivamente sganciata dall’ambito pubblicitario, viene ospitata nei maggiori spazi espositivi del mondo.

Opere:

Correlazioni:

Bibliografia:

Webliografia: