Schum Gerry

Tratto da EduEDA
Jump to: navigation, search

Personaggio

Schum Gerry


Biografia

Gerry Schum nasce nel 1938 a Colonia. Nel 1969, quando viene messa in vendita l’apparecchiatura di videoregistrazione, il gallerista annuncia la nascita a Berlino di una Video Gallery, una galleria di tipo nuovo, dedicata alle trasmissioni delle opere immateriali della videoarte, dando così la possibilità ad artisti stranieri di usare il video. La Fernseh Galerie di Düsseldorf viene inaugurata con un documentario intitolato Land art, che registra vari interventi delle recentissima tendenza, fino ad allora chiamata Earth Art, volta a trasformare in opera d'arte frammenti di natura e paesaggi remoti e solitari; quindi una serie di video che raccolgono dal vivo interventi di artisti quali J. Dibbets, R. Long, B. Flanagan, D. Oppenheim, W. De Maria. Land Art viene trasmesso dalla rete Freies Berlin il 15 aprile 1969. L'anno successivo Schum produce "Identifications", proponendo la registrazione delle "azioni" di numerosi artisti internazionali tra i quali Joseph Beuys, Gilbert & George, Alighiero Boetti. Muore nel 1973 a Verstorben.


Sito web

Poetica

Come gallerista, comprende subito l’importanza nel video per creare delle opere anche in quelle situazioni in cui l’azione dell’artista di per sé non ne prevede, come nel caso delle performance di body art, degli happening, o della land art, e avvia pertanto una produzione “editoriale�? di opere video. Realizza alcune documentazioni su pellicola che trasferisce successivamente in video, creando multipli a tiratura limitata. Il suo intervento si caratterizza come un ibrido tra film e video, in cui quest’ultimo viene sfruttato unicamente per la sua maggiore maneggevolezza ed economicità rispetto al film, senza essere “giocato�? fino in fondo da un punto di vista formale. Con la produzione delle "Identifications" Schum ha l'intenzione non solo di memorizzare eventi effimeri e dar loro una ricollocazione più vasta e libera, al di fuori dell' "eterno triangolo di studio, galleria, collezionista", come afferma Schum, ma anche di promuovere e fare opere in cui la riproduzione è considerata parte integrante della realizzazione. E' l'indicazione di un ulteriore modo di sondare e far crescere le possibilità del video; un segnale che si espande con la diffusione delle opere di Schum nelle principali manifestazioni artistiche del perido. L'iniziativa di Schum e le sue riflessioni sull'identità e la fruizione del video va a toccare il problema complesso dell'accoglienza da parte del sistema dell'arte di opere diverse dal solito, mobili, fluide, luminose, sonore. Land Art è la terminologia coniata da Gerry Schum realizzando un videotape che raccoglie dal vivo gli interventi degli artisti: questi artisti operano uscendo dagli spazi tradizionali quali gallerie o musei per interviene direttamente sullo spazio macroscopico della natura: ampie distese di deserto, montagne rocciose, campi ricoperti di neve, fiumi che si estendono all'infinito, tipico della cultura anglosassone e del paesaggio americano.


Opere

Alcune delle opere

  • Land Art, 1969.

Raccolta di video.

  • Identifications, 1970.

Video con l’azione di Joseph Beuys “Filz Tv�?.


Bibliografia

  • 2004, Arte elettronica: video, installazioni, web art, computer art, ed. Giunti, Milano, pp. 27


Webliografia