Signal or Noise. The Network Museum

Tratto da EduEDA
Jump to: navigation, search
Questo articolo è solo un abbozzo (stub). Se puoi contribuisci adesso a migliorarlo. - Per l'elenco completo degli stub, vedi la relativa categoria


Dietz Steve

Signal or Noise?The Network Museum

Signal or Noise?The Network Museum http://www.walkerart.org/gallery9/webwalker/ww_032300.html


Ciò di cui vorrei parlare stasera sono alcuni dei problemi riguardanti i musei  in un ambiente legato alle reti di comunicazione, particolarmente in relazione alla net art.

La mia descrizione sarà necessariamente incompleta, ma io spero che farà luce - per me tanto quanto per voi ,forse -su un progetto su cui ho lavorato durante l'anno passato, Art Entertainment Network, che ha aperto venerdì scorso.

The Network Museum

Paul Valery ha scritto in "Conquest of Ubiquity " "In tutte le arti c'è una componente fisica che non può essere più considerata o trattata come ciò avveniva in passato , e che non può più rimanere impassibile agli influssi della nostra conoscenza moderna e delle nostre capacità. Negli ultimi venti anni nessuna sostanza nessuno spazio nessun tempo è stato quello che era da tempo immemorabile. Noi dobbiamo aspettarci che le grandi innovazioni trasformino l'intera tecnica delle arti, con ciò influenzando la stessa invenzione artistica e provocando anche forse un cambiamento sorprendente nella nostra vera nozione di arte." Noi sappiamo intuitivamente, evidentemente, automaticamente che c'è una chiara differenza fra dire Ding an sich The Canon Series di Piotr Szyhalski commissionata dalla Gallery 9 di Walker e un immagine di Three-Way Plug di Oldenberg dalla raccolta permanente del Walker - non importa quanto consciamente proviamo a contestualizzarlo. Inoltre spero anche che venga compresa un’ evidente somiglianza. Entrambi sono lavori artistici.

Tuttavia ancora ci sembra di avere difficoltà nel pensare al network museo in un modo del tutto parallelo a come noi finalmente stiamo cominciando a capire l'arte fondata sul network. Come diversa. Come la stessa .Come realtà.

Nel suo meraviglioso ed ancor valido saggio, " Other Criteria", Leo Steinberg ha scritto:

“[The flatbed picture plane] non rappresenta niente di più che un sintomo dei cambiamenti che vanno ben oltre questioni di piani raffigurativi, o di pittura come tale. È parte di un rimaneggiamento che contamina tutte le categorie che hanno già raggiunto una loro purezza. Approfondendosi le invasioni dell’arte nella non-arte ,esse continuano ad alienare l’intenditore man mano che l’arte viene a mancare allontanandosi in territori sconosciuti e lasciando i vecchi e solidi canoni per dominare un territorio che si sgretola.�? Dall'evidenza delle esposizioni come Entertain di Let, generalmente in mostra al Walker, l’arte certamente sta contaminando, e per qualche tempo lo ha già fatto, strani nuovi territori-uno di loro è stato il net. Se non siamo soddisfatti di sondare semplicemente la base pericolante della“museum-quality art�?, l’arte pensata per il museo, vorrei dimostrare che il “network museo�? è necessario, per i musei, quanto i musei di arte moderna, gli spazi alternativi,scarti spaziali, etc . Se il network museo può essere utilizzato dagli artistici non ci resta che stare a vedere.

Trasmitting the Signal Una delle verità evidenti dell'età digitale è che l' informazione a portata di dito non necessariamente conduce a un progresso. I Musei sono miniere straordinarie di fatti ed informazioni, ma la promessa delle reti digitali sembra sfociare spesso in una Babele di conoscenza. Come Hal Foster ha avvertito in “The Archive without Museums," Se, in conformità al programma di Malraux, il museo garantisce lo stato di arte e di riproduzione fotografica, permette le affinità di stile, cosa potrebbe una registrazione digitale sottoscrivere? Arte come immagine testo, come info- pixel? Un archivio senza musei? Così , questo database sarà più di una base di dati ,un magazzino del dato? Cercando di non perdere l’orientamento, mi piacerebbe esplorare uno dei testi canonici di teoria dell’ informazione, il saggio di Claude Shannon 1948, The Mathematical Theory of Communication,che secondo Scientific American, “Prima di questo non c'era nessun modo universale di misurare le complessità della comunicazioni o le capacità dei circuiti di trasmettere le comunicazioni.�? La misura matematica, chiaramente, è detestabile per quanto riguarda le opere d’arte. Come si può quantificare la qualità di un'esperienza artistica. Come può essere calcolare l'estetica? Dall’altra parte ,gli aspetti delle teorie di Shannon sono interessanti, anche se solamente a livello metaforico.

Al principio, descrivendo sommariamente la teoria di Shannon, egli creò una misura matematica attraverso la quale misurare l’informazione, assumendo come parametri chiave la sorgente dell’informazione, ridondanza e rumore. L’interazione fra questi fattori e che noi ora chiamiamo un codec ,una codificazione e decodificazione di un algoritmo, determina una potenza di segnale.

Information 

Secondo questa teoria, l’informazione è misurata come una funzione di quanto un messaggio vi dica cose che non conoscevate prima di ricevere il messaggio, in altre parole, della riduzione d’ignoranza.

Usiamo piuttosto un esempio arcaico del biologo evolutivo Richard Dawkins di un padre che guarda fuori da direttore dalla finestra di un reparto di maternità all’ospedale: se lui non conosce il sesso del suo bambino ,egli ha due possibili scelte. Se l'infermiera gli segnala che è una bambina, queste due scelte sono diventate una. La sua incertezza precedente è dimezzata. Questo può essere paragonato ad un bit di informazioni ,senza badare se ciò sia reso noto attraverso un preordinato segnale simile ad un dito per un maschio, due per una femmina, o se l'infermiera sia uscita dicendo al padre, " Congratulazioni. Lei deve essere molto orgoglioso. Io mi sono dilettata per essere la prima a dirgli che il Suo bambino è una femmina". Fin qui tutto bene, ma ciò che è un po’ impressionante è come Shannon ed altri descrivono l’informazione, e solo allora può esserlo, se sorprende il destinatario. Secondo Dawkins,

" ' Piovve ad Oxford ogni giorno questa settimana, ' fornisce poche informazioni, perché il ricevitore non ne è sorpreso. Dall’altra parte ‘piovve nel deserto del Sahara ogni giorno questa settimana, sarebbe una comunicazione con alto contenuto di informazione . . . . Shannon volle indicare questo concetto di contenuto di informazione come “valore di sorpresa�?. 'Questo va riferito all’altra idea ' ciò che non è duplicato in altre parti del messaggio '-perché le ripetizioni perdono il loro potere di sorprendere ". O come il ricercatore Roger Schank lo pone più succintamente--ma è sempre lo stesso numero di bits di informazione:--" Informazione è sorpresa. Noi tutti c'aspettiamo che il mondo funzioni secondo un certo modo ma quando accade, ci annoiamo".

A mio avviso, parte del problema dei musei e della net art è che una links list, che è quella nella quale finiamo così spesso, sorprende poco--una sorpresa che invece può essere veramente straordinaria qualora voi vi ritroviate nel sito di un artista. Questo è un altro modo per dire che il museo non è una fonte di informazione, ecco perché ciò ci può annoiare.

Redundancy

Nell’uso comune, la parola ridondanza chiaramente ha connotazioni negative. Shannon comunque la definì semplicemente, come il contrario di informazione. Ma qualche volta ridondanza ha il suo valore. Se, per esempio, c’è un errore in trasmissione, a meno che ci sia della ridondanza, è impossibile ricostruire la comunicazione con un qualsiasi grado di certezza. O, per usare un altro esempio di Dawkins, " ‘�?Arr.JFK.ven.pm.perfav.inc.volo.Cncrd.BA�? porta la stessa informazione di una frase molto più lunga, ma più ridondante, ‘ io arriverò a John F. Kennedy aeroporto la sera di venerdì, per favore vai in contro al volo Concorde British Airways ’. Evidentemente, la breve comunicazione telegrafica è meno costosa per spedire un messaggio (anche se il destinatario deve sforzarsi maggiormente per decifrare il messaggio) la ridondanza ha le sue virtù se noi dimentichiamo il lato economico. Forse un archivio/collezione di museo della net art, sebbene ridondante, ha un valore simile--l'abilità di ricostruire eventi effimeri--e la virtù--un'iterazione più prolissa per il non iniziato. Forse. Noise

L'altra variabile nell’ " equazione di sorpresa "è il rumore . Secondo Weaver Warren, con il quale Shannon cooperò nella prefazione nel 1963 nel suo testo del 1948, " Nel processo di trasmissione, è sfortunatamente caratteristico che certe cose sono aggiunte al segnale sebbene queste non fossero state mandate dalla fonte di informazione. Queste aggiunte non desiderate possono essere distorsioni di suono (in telefonia, per esempio) o statico (in radio), o le distorsioni di forma od ombreggiature nelle immagini (la televisione), o errori di trasmissione (telegrafia per facsimili), ecc. Tutti questi cambiamenti nella trasmissione del segnale sono chiamati rumore ". Io penso che molti artisti credano che gli sforzi della maggior parte dei musei relativi alla net art-dove essi esistono—sono spesso solo rumore, distorcendo il segnale-- relazioni dirette, da uno a molti che ogni artista può avere con chiunque in un collegamento in Internet. Può essere che nel modello di Shannon tutti i passaggi interpretativi siano un genere di rumore, confondendo il segnale, e quello che è critico sia l’eleganza, la velocità, e l'accuratezza dell'algoritmo usato per codificare e de-codificare la fonte di informazione e per trasmettere il suo segnale. Il museo come codifica. Come potrebbe funzionare? Secondo Weaver e Shannon, " Il migliore trasmettitore , infatti, è quello che codifica il messaggio nel modo in cui il segnale ha solo quelle caratteristiche statistiche ottimali che sono appropriate al canale che deve essere usato --che infatti massimizza il segnale...(qui il testo è poco chiaro…??) entropia e struttura hanno la stessa capacità del canale ".Afferrato? Fondamentalmente, come capisco, il migliore trasmittente è una questione di efficienza che è migliorata moltissimo porgendo attenzione alle migliori caratteristiche che sono adatte al canale. E mentre può o non può dimostrarsi vero alla fine che il museo è un buon trasmettitore di pratica artistica, certamente, come un trasmettitore del suo proprio segnale, è importante che il museo si ottimizzi per il network, se quello è un canale di interesse .

Lines of Flight

Rumore,chiaramente, come  abbiamo imparato da Cage John e da altri, è solo un altro modo di ascoltare, di assorbire. In una pubblicazione meravigliosamente poetica l'anno scorso, " The Ante-Chamber of Revolution*: Un Preludio ad una Teoria di Resistance e Maps, " Ricardo Dominguez scrisse:

" Molte e svariate mappe di informazioni sono state messe sul blocco per la nostra ispezione: frontiera, castello, beni immobili, rhizome, alveare, matrice virus, network" e egli c'invita a inserire " la nostra propria mappa, dicendo: “Ogni mappa crea un diverso percorso , una forma diversa di sicurezza, ed una tasca diversa di resistenza�?. Questa visione di una " diversa esplorazione " risuona in un'asserzione di Manuel DeLanda in un'intervista con Brett Stallbaum . Egli scrisse: “L'artista è un agente (umano o non) che prende materiali stratificati o materiali culturali sedimentati, e li fa seguire un percorso di esplorazione, o un percorso sonoro, o di colore�?. L’argomento che si riferisce alle idee di Shannon riguardo alla teoria matematica di informazione non è un progetto letterale. È più metaforico. E parlando pragmaticamente, mentre sembra inevitabile seguire l'affermazione di Marshall McLuhan che sostiene che noi concepiamo un nuovo mezzo facendo riferimento ai precedenti media, io penso che sia interessante provare e pensare al network-museo in termini di connessioni informative più che in termini di storia dell’ arte--o probabilmente dovrei dire tanto bene come in termini di storia di arte. Some possibile Distintive Characteristics of the Network Museum La composizione originale di David Antin, " The Distinctive Features of the Medium " riguardava il video, ma sostituisce la parola “net�?,e voi avete un'analisi attinente e convincente: Net Art . Il nome è equivoco. Un buon nome. Questo lascia aperte tutte le domande, ma risponde ad esse allo stesso tempo. È questa una forma di arte, un genere nuovo? Un'antologia molto apprezzata condotta in una particolare arena delimitata dal display su un monitor di un computer? Il genere dell’attività net promossa da una classe speciale di persone--gli artisti—i quali lavori sono esibiti primariamente in quello che è chiamato " the art world"-- ' l'Attività Net degli artisti? Un'ispezione dei nomi nel catalogo on-line dà una facile e piuttosto insufficiente risposta che è ciò che noi abbiamo considerato per ultimo, l'Attività Net di Artisti. Ma questa è una classe separata? Gli Artisti stanno costituendo opere net da appena dieci anni--se noi trascuriamo uno o due deboli lavori di hacker e “Sketchpad�? di Ivan Sutherland 1962-- e l'attività net ha vita nelle gallerie da appena 5 anni, noi già abbiamo avuto esposizioni di gruppo, comitati, discussioni, dedicati a questo fenomeno per molte buone ragioni quali l’utilizzo sempre maggiore del net da parte degli artisti ed il fatto che parte della migliore produzione fatta nel mondo dell’arte sia stata eseguita sul net. Attualmente vi sono due dissertazioni: la prima, una sorta di entusiastica opera di benvenuto condita con frammenti della teoria della comunicazione ed un discorso sui media del tipo di McLuhan l'altra, un piuttosto nervoso tentativo di localizzare le " uniche proprietà del mezzo ". La dissertazione 1 potrebbe essere chiamata " cyberscat " [!] e la dissertazione 2, perché impegna i problemi che passano per " il formalismo " nel mondo artistico, potrebbe essere chiamata " the formalist rap�?. Cosa vorrei dire nel resto del mio discorso è molto chiaro su un “network museum�? che abbia valore per l’ informazione--in altre parole che possa essere sorprendente. A parte l’aumento lineare dell’offerta, come possiamo mandare via e mail il nostro programma stagionale? Come possiamo vendere biglietti on-line? Facciamo immagini della nostra raccolta visibili on-line—a cosa potrebbe assomigliare il network museo se prendesse spunto dalle peculiarità della rete particolarmente articolato come i volteggi degli artisti?

Freedom of chiose

Secondo Shannon, più scelte ci sono, più c’è informazione. “L’ informazione è una misura della libertà di una scelta che è esercitata quando uno seleziona un messaggio. . . . Se tutte le scelte sono ugualmente probabili, ci sono più scelte. C'è più informazione se voi selezionate liberamente da un set di cinquanta messaggi standard, che se voi selezionate liberamente da un set di venticinque messaggi�?. Possiamo utilizzare la teoria di Shannon per capire se l'intervento critico del museo spinge il segnale dalla fonte dell’ informazioni o se interferisce con essa senza agire, questa idea di informazioni che è riferita alla quantità di libera scelta controbatte un’affermazione che ci ripetiamo allo specchio al mattino:

Essi avranno sempre bisogno di un filtro. C'è troppo per scegliere. Troppa informazione. Loro avranno sempre bisogno di filtri. (Anche se a essi non piacciamo.)

Ma il museo, definendo una delle funzioni di filtro, una specie di collo di bottiglia per troppe scelte, rischia di divenire irrilevante per questo particolare canale-la rete? È vero, secondo Shannon e Weaver che " Più grande è la libertà di scelta, e quindi più grande è l’informazione, più grande è l’incertezza che in realtà il messaggio selezionato ne sia uno in particolare�? Ma essi continuano, " Incertezza che sorge dal pregio della libertà di scelta da parte del mittente è l'incertezza desiderabile. Incertezza che sorge a causa di errori o a causa dell'influenza di rumore è l'incertezza indesiderabile . E’ considerato come un indovinello. Noi promuoviamo la virtù dell’ informazione. , più ce n’è, meglio è. Ancora questo può aumentare l'incertezza di qualsiasi particolare messaggio che è stato ricevuto.

Da una prospettiva di contenuto, ha senso limitare le scelte di informazione a quelle che si riferiscono al vostro tema-- un'esposizione sul divertimento, un simposio sulla net art. Questo limite può e probabilmente dovrebbe essere molto variabile sicuramente.

Da una prospettiva di canale, comunque non ha nessun senso limitare le scelte di informazioni sull’ arte net--o arte moderna--a solamente quei lavori nella vostra raccolta, o esposizione, o regione del mondo. Un network museum come canale-adatto e canale-efficiente piuttosto che fornire ai visitatori scelte di informazione circa quello che è posseduto, contenuto , o altrimenti offerto dal museo, vorrebbe dire mandare il visitatore in qualche altra risorsa di informazioni. Il “network museo " potrebbe essere paragonato ad un portale invece di un edificio con molti negozi per acquisti, con questa navigazione tortuosa a tenervi all’interno più a lungo possibile?

Scelta difficile.

Interactivity

Interattività è un termine usato così impropriamente che ciascuno farebbe meglio a fare un voto d’astinenza da esso. Piotr Szyhalski ,che io ritengo un maestro artigiano ed un artista brillante è come un padrone di qualche genere di interattività falsa. Il partecipante può e deve rispondere per completare il lavoro, ma la libertà per scegliere come fare è circoscritta astutamente. In un certo modo questo è quello a cui l'interattività della maggior parte dei musei on-line assomiglia(solamente senza qualità artistica) . Tu puoi premere dei bottoni e puoi trovare una risposta, ma c'è raramente una reazione dinamica. Semplicemente, il museo non risponde. C'è comunque, un importante, generico, cambiamento in questo riguardo. Tradizionalmente la liberazione di informazione era solo, --un qualche genere di liberazione controllata che spesso è stata trattata come enciclica papale, la reintroduzione di specie estinte nel originario habitat o la propagazione di un virus--un meme, noi ora diremmo--nella popolazione comune.

L’ accesso al database permette agli utenti di scoprire quello che loro vogliono sapere, non quello che il museo vuole dir loro.

Anche se non è il risultato di un database, questo è il principale lavoro nel recente progetto di Fred Wilson per MOMA, " Road to Victory ". I Musei hanno sempre raccontato storie, ma non c'è stata sempre l'opportunità per relazionarsi o giocare con loro. Wilson studiò l'archivio del MOMA e poi usò il Web per giustapporre storie diverse che il museo ha raccontato negli anni. 

Per Wilson, col tempo MOMA aveva perso una certa agenda sociale che aveva inteso originalmente seguire. Lui scrisse sul progetto:" Queste fotografie di archivio mettono in mostra l'uso didattico del materiale del museo per persuadere il pubblico del suo punto di vista liberale così come le sue idee estetiche.�? Interessante nello stesso comunicato stampa che cita Wilson, gli addetti stampa parlano sul progetto dimostrandolo con precisione e, presumibilmente, senza saperlo. Il progetto on-line di Wilson Fred, Road to Victory (1999)--intitolato dopo l'esposizione del 1942 del Museo che ha incluso fotografie degli Stati Uniti in lotta--esplora il ricordo che il Museo di Arte Moderna ha di se stesso: vale a dire, il suo archivio fotografico . Costruendo narrazioni tramite giustapposizioni e collegamenti tra immagini di documentari e testi presi in prestito dagli archivi, Wilson rivela molto di quello che, sebbene visibile, non è sul display: i visitatori del Museo, il personale, grafiche di esposizione, e testi�?. Apparentemente, per loro, o almeno per il consumo pubblico ed ufficiale, il progetto riguardava l'archivio per esporre quello che non è sul display--ma cose grafiche, non gli attegiamenti. All'estremo di tale interattività c’è il caso di orang. orang di Thomax Kaufmann. Fondamentalmente, chiunque voglia può trovare un protocollo di ftp ed upload, qualsiasi file audio desideri. L’unico controllo è una specie di " filtro sociale, " come Diamond Sara una volta descrisse. Tuttavia questa specie di database non-filtrato, che cioè è filtrato solo a livello sociale, è una maledizione per molti musei, i quali sono orgogliosi di munirsi di informazioni autorevoli. Una delle cose che la maggior parte di musei hanno scoperto, comunque, è che le loro informazioni autorevoli, così raggruppate accuratamente e visitate, sono solamente una piccola frazione di ciò che interessa a più persone. Generalmente, questo non è sorprendente. Spesso, non si ottiene altro che un "magazzino del dato ". Io credo che sarà necessario per il "network museo " creare parallelamente database riuniti insieme e risorse di informazioni che sono veramente interattive a doppio senso. Fino a quando, noi continueremo ad essere cittadelle di informazioni, non comunità di apprendimento. Dopo chissà cosa potrebbe accadere e che cosa potrebbe essere possibile. Connectivity


In tutti sensi, la connettività potrebbe sembrare il centro dei "network museo", a partire dalla rete, il contatto globale intendo, come McLuhan e Roy Ascott, l'hanno definito, dei collegamenti telematici. In termini di connettività, penso al problema di Sun Microsystems contro Microsoft. Microsoft possiede il desktop, e fino ad ora la compagnia è cresciuta sull'idea di un computer e di un software basato sull’utilizzo del desktop. Similmente, i musei possiedono l'arte, ed i musei con le migliori collezioni dominano il mercato dell'attività culturale. Con un modello che si basi sul network, non è comunque necessario dove la cosa risieda fisicamente, sia essa un sistema operativo, un’applicazione o una qualche informazione La rete connette queste, e ciò che diviene importante sono le relazioni non le proprietà. Questo problema di collegamenti è confuso, chiaramente, nel caso si tratti di dipinti. Voi dovete stare in piedi di fronte ad un Pollock per vederlo realmente. Ma con l’arte basata sulla rete;con la net art, quale reazione suscita una piccola scorsa del contenuto?E per questo contenuto, perché la rappresentazione della conoscenza che il personale di un museo ha, dovrebbe esser limitata a quello che possiede? Non è così chiaro, ma voi raramente vedete web sites di musei che presentano una storia dell’Espressionismo Astratto oltre la loro propria raccolta. Il " network museo�? riguarderà il punto di vista dell’ appassionato che decide di connettersi, e non primariamente quello che vuol “vivere�?.

Computability

Calcolatore, chiaramente è la definizione di Turing della scatola universale che noi siamo venuti a conoscere come il computer, ma che lui ha chiamato la macchina della lingua. Il computer è unico, fra i media, nella sua abilità a capire ed agire su istruzione simbolica algoritmica. Alan Kay afferma così:" La cosa più difficile parlando di computer è che queste cose non sono sempre quelle che esse sembrano . Tu puoi realizzare per molto tempo cose con un computer senza davvero toccare la loro essenza, perché esse sono come camaleonti: essi passano la maggior parte del loro tempo imitando gli altri media, come giornali, televisione, vignette, film. La maggior parte delle persone che hanno usato il computer non hanno toccato mai quello che è effettivamente. Quello che è in esso non è segreto quanto nella meccanica. Infatti ognuno può imparare a guidare una macchina in circa mezz’ora. Ma io non ho trovato mai un modo di spiegare in una maniera soddisfacente quello che la musica di un computer è in mezz’ ora. Quindi io devo fare un'analogia. La più importante cosa per capire il computer è paragonarlo ad un libro, infatti è un libro che può leggere dinamicamente e può scrivere se stesso. Il suo contenuto statico è lo stesso come sulla carta. Il computer contiene solo segni astratti con i quali tu puoi creare qualsiasi cosa--i simboli per la lingua, alcuni segni matematici, alcune immagini. Ma quello è un modo troppo parziale di considerarlo. Un altro modo di guardalo è che molto del suo contenuto dinamico è descrizioni dei media. È una macchina di lingua che tratta con cose che sono frasi, e non solo può trasportare quelle frasi e scriverle, ma anche leggere e scrivere esse. In un modo abbastanza libero. È un modo nuovo e completo di trattare con relazioni tra i concetti ". Due dei miei esempi favoriti di calcolatore net arte includono il Great Wall of Cina di Simon Biggs che dinamicamente ha rimaneggiato la storia di Kafka “Great Wall of Cina�? ed i film interattivi di Paul Vanouse, Consensual Fantasy Engine,e più recentemente, Terminal Time che, essenzialmente, usano funzioni algoritmiche per rispondere ad input del pubblico e producono sui film di , rispettivamente, O.J. Simpson un esperimento nelle scene popolari e nella storia degli ultimi 1,000 anni.

Cosa poterebbe sembrare un museo algoritmico?Una sua parte avrebbe l’ abilità di generare narrazioni--o almeno le esperienze irresistibili--fuori dei nostri database di fatti ed informazioni. Avendo scritto questo su molti fogli, io stasera non voglio essere uno scrittore procedurale. Piuttosto, penso che ci sia un modo più semplice e più fondamentale di pensare la calcolabilità, e quello è il processo.

Il World Wide Web di Ken Perlin è un java applet abbastanza semplice il quale dinamicamente genera qualche cosa di sospettosamente simile alla Terra. Ogni volta che tu lanci questo applet, è lievemente diverso, ancora oggi è precisamente quello che lui intese. Egli creò il software che è semplicemente un set di istruzione che crea qualche cosa specificamente imprevedibile ma generalmente inteso.

Nel nuovo progetto di Mark Napier e Icontext di Andy Deck, a questo elemento di calcolabilità è aggiunto l’interattività. Per entrambi i progetti, “l’ artista�? crea un ambiente, essenzialmente, che si attiene alle regole ma genera risultati imprevedibili basati sulla specifica (inter)azione dell’’utente.

E nel loro progetto, Graphic Jam, oltre alla calcolabilità ed interattività essi aggiungono l'elemento di connettività. Due o più persone possono fare qualche cosa contemporaneamente.

Credo che il " network museo �? sarà, in modo crescente, una piattaforma per processi ,sia per gli artisti sia per il pubblico, un fornitore di prodotti può sostenere il paragone. Più calcolabile sarà questa piattaforma, più il museo avrà successo.

Rhizomatic Culture:Hierarchy,Parasites and Complexity

Sulla rete, nessuno è a conoscenza, che tu sei un'organizzazione virtuale. Nel mondo fisico, le organizzazioni spesso tendono a collaborare con i loro così definiti pari. C'è una gerarchia implicita. Comunque, la relazione tra elementi fisici e virtuali e virtuale sembra andare a migliorare, se questo è l'esempio di Encyclopedia Britannica la quale fu fatta fallire inizialmente a causa di Encarta CD-ROM; Amazon.com che sta sfidando Barnes & Noble come la più grande libreria nell'universo, per non menzionare pochi altri grandi industriali in termini di capitalizzazione di mercato; o, dire jodi che, io sospetto abbia ricevuto significativamente più visite on-line di tutti i siti museali di tutti gli amministratori che hanno fatto una visita di studio con loro. In un ambiente di rete, noi usiamo una mappa, come disse Dominguez, che è l'idea del rizoma (fusto sotterraneo di pianta!!) che ha un'architettura orizzontale, anti-gerarchica. Il "network museo " è un nodo, non un nesso o un pinnacolo-o nadir, per un contenuto.

Un modo per pensare a questa mancanza di accentramento, l'interdipendenza decentralizzata del rhizome, è una teoria complessa. Come Mitchel Resnick, un professore di Epistemologia a MIT Media Lab lo mette nella sua " composizione " attiva: " In questa composizione, noi esploreremo l'idea di emergenza. Noi esamineremo come oggetti e modelli possono sorgere dalle semplici interazioni in modi che sono sorprendenti e avversi all’intuito. Noi presenteremo esempi con semplici quadrati che si accendono e si spengono, ma le idee fondamentali vi forniranno una nuovo prospettiva per pensare a molti fenomeni nel mondo " di ogni giorno. Come società, noi siamo troppo inclini a materializzare una mente centralizzata, un’intelligenza dominante o che dirige, quando al contrario gran parte del mondo funziona diversamente.

Nonostante il fatto che Se aumentasse " l'uguaglianza "per Pollyanna sarebbe più semplice capire la rete , un'altra mappa concettuale è la relazione ospite-parassita. Lisa Jevbratt, un membro del gruppo di artisti C5, ha detto sul suo progetto collaborativo, " A Stillman project for the Walzer Art Center " : " Il Web offre ed implora molti modi per discutere in riguardo all’arte. Pensare all’ arte giocando con un continuo di ospitante-ospitato-non invitato/parassita sembra più appropriato che descrivere ruoli diversi ed interpretazioni lungo un continuo di autore-lettore. Quando io lavoro su un progetto come questo, il gioco di esso con l’essere un parassita, un ospite o un invitato è ciò che lo rende interessante in termini del suo status ontologico di arte. Un parassita vuole che il suo ospite sia efficiente cosicché possa essere trasportato e possa essere alimentato. Un sistema parassita vuole capire anche la logica del suo ospite in modo da ricavare molto di più da lui". Il "network museo " potrebbe essere un buon ospite

A Safe Place for Unsafe ideas

Il Walker qualche volta descrive uno dei suoi ruoli come un luogo sicuro per i concetti pericolosi. Qualche volta questa è un'azione come l'acquisto di una pittura Chris Offilli per la raccolta permanente subito dopo la controversia del Museo di Brooklyn, con un'affermazione forte di appoggio per il suo lavoro. Qualche volta significa semplicemente avere un’installazione che supporta quello che è noto come le i capricci degli artisti .

Questo è un ideale, chiaramente, ed io non richiederei mai il suo conseguimento, ma mi sembra che in uno spazio Internet in modo crescente privatizzato e commercializzato, il "network museo " possa essere un luogo sicuro per il lavoro che è sia impopolare in termini della sua politica o impopolare in termini di interesse pubblico.




Similmente, mentre in un certo senso è relativamente facile trovare uno spazio server di sistema ed amministrare il vostro server, ecc., può divenire un lavoro domestico gravoso o può essere soggetto al desiderio di un ISP che può decidere che la lamentela riguardo alla nudità del vostro sito --o qualunque altra cosa-- giuridicamente protetto, non vale la disputa e decide di spegnere il vostro server.

Io comprendo che io sono sulla terra qui, chiaramente, ma nel mio mondo ideale, il "network museo " sarebbe disposto e capace di fornire qualche genere di appoggio che potrebbe essere ritenuto un ruolo di inestimabile valore.



The Wonder Chamber

Cosa altro caratterizzerebbe il museo di rete? Nella sua provocativa e feconda composizione, “C’è amore nel mondo telematico?�? Scrive Roy Ascott: " Nella telematizzazione del processo creativo, i ruoli dell’ artista e dell’osservatore, disegnatore e consumatore sono diffusi; le polarità di creatore ed utente sono destabilizzate. Questo condurrà ultimamente, senza dubbio, a cambiamenti di status, descrizione, ed uso di istituzioni culturali: una ridescrizione (e rivitalizzazione, forse) dell'accademia, museo, galleria archivio, officina, e studio. Può essere prevista una fusione di arte, scienza, tecnologia, istruzione, e divertimento in una sostanza telematica di apprendimento e di creatività ". Ascott sta estrapolando qualche genere di reazione cibernetica, in cui l’azione network artistica influenzerà inevitabilmente ed indelebilmente la pratica istituzionale e futura. Io sono d'accordo con questo, anche se qualche resistenza può essere trincerata, e il favore per questo tipo di attività da parte delle istituzioni è importante.

In riguardo, io ritornerei ad un discorso che i media hanno tenuto a Barcellona su Friedrich Kittler a metà degli anni 90, intitolato “Museums on the Digital Frontier�? . “Frontiera�? è, chiaramente, un'altra una di quelle mappe a cui Dominguez si riferisce, ed il discorso di Kittler era intenzionalmente speculativo e non una copia cianografica per natura per il " network museo ". In esso, egli portò alla luce degli importanti problemi attinenti alla domanda se il database, parlando genericamente, potrebbe non essere un modo per tornare all'idea del " Wonder chamber, "camera delle meraviglie prima della specializzazione del museo moderno intorno al 1800, quando, Kittler cita Paul Valery,

" scultura e dipinto perdono la loro madre, architettura va sparendo. Come orfani, le due arti vagarono senzatetto attraverso il mondo, finché il museo offrì loro un santuario ".

Io non tenterò e rappresenterò il suo discorso in dettaglio, ma mi piacerebbe suggerire un percorso che mi interessa in particolare. Scrisse Kittler: " Con il sorgere del museo come una sfera separata, la conoscenza " tecnologica non era più la meta o risultato di una raccolta; ora divenne sia la sua necessaria e celata condizione .�?

In altre parole, Wonder chamber non solo incluse opere d’arte, queste furono accompagnate dalle meraviglie della scienza, la tecnologia, e natura. Nel museo moderno, non solo vi era la mostra  di questa conoscenza tecnologica bandita altrove, ma fu naturalizzato e efficacemente celato--una tecnica dell’esibizione  non di un oggetto di conoscenza. Il risultato, secondo Kittler è che" l'età di wonder chamber non è ritornato. Invece, musei di arte, raccolte tecnologiche speciali ed innumerevoli sono sorte ". Può il network museo essere il wonder chamber?

Se, per esempio, il " network museo " può cominciare a rendere irrilevante il muro tra le proprietà--tra la galleria ,la biblioteca e l’ archivio--può sovvertire anche la gerarchia di guardiano e supplicante. Io non penso che questo è un problema di aut/aut. Non è che amministratori, educatori ed altri non dovrebbero presentare il loro punto di vista. Ma il loro non è l'unico punto di vista. Non deve essere confuso con l'istituzione, con la storia. L’accesso a tutte le informazioni da parte di chiunque è una facilitazione critica del network museo, sempre che ciò debba prosperare in un’epoca di abitudinarietà? di massa e di passaggio all’inetrazione. Scrisse kittler: “Quello che appare in lontananza o piuttosto quello che deve essere fatto è il ripristino del Wonder chamber. Johann Valentin Andrea, il fondatore del Rosicrucians, difese una volta un archivio che non solo vorrebbe includere opere, attrezzi, e strumenti, ma anche i loro disegni tecnici. Sotto le condizioni dell’ alta tecnologia di oggi noi non abbiamo nessuna alternativa se non costruire un archivio fatto in tal modo o visitare milioni di modi di dipingere anonimi". Io penso che sia significativo che Kittler identifichi il museo condotto come al solito, essenzialmente, come mortale per il museo stesso. Certamente, fino ad un certo grado questa museificazione non è che un genere di classificazione, non c’è da meravigliarsi che molti artisti siano scettici per la mausoleificazione della net cultura che loro hanno creato. Fino ad un certo grado,i nuovi media sono un'attività, non sempre un prodotto, e, nel parafrasare Barnett Newman,i database sono per l’ arte ciò che l’ ornitologia è per gli uccelli.

Nell'età digitale, istituzioni non possono permettersi ancora, di non tentare almeno e capire, presentare, collezionare, preservare, e sostenere contemporaneamente le attività artistiche.

A modest proposal: The 24x7x10 museum

La mia proposta modesta è la seguente. Un 24 x 7 x 10 "network museo " . Io non ho bisogno di spiegare le 24 ore, 7 giorni in una settimana lavorativa. Il museo ha bisogno di andare 24/7. Ma quale è questa terza dimensione 10? Dato il ritmo dell'innovazione tecnologica e la velocità culturale,i musei tenderanno a fallire lo zeitgeist o divenire vittima sua, sempre. Di cosa noi abbiamo bisogno è un impegno senza calcificare. Ciò di cui abbiamo bisogno è avvalerci della sua opera ma senza farci sopraffare. Noi abbiamo bisogno di una strategia di uscita.

Noi tutti ci avviciniamo ai "nuovi media " da molte prospettive diverse, se sono arti basate sul video, computer, la letteratura, l’arte concettuale, istruzione, editoria ecc. io ho esperienza in fotografia, questo è il mio esempio. La fotografia è utile, chiaramente, perché riassume il dibattito senza fine di


ciò che è arte o è meccanico? È tutta questa l’attività artistica network o è solo tecnologia? Gli importanti problemi sullo status di arte e musei ed archivio e biblioteche sono stati sollevati da Crimp Douglas ed altri a partire dai problemi di classificazione di libri di fotografie alla New York Public Library. Ma gradirei fare una semplice, più non strumentale analogia.

Molto semplicemente, quando ICP, International Center of photography a New York non fu fondato che tempo fa da Cornell Capa ed altri, portò un chiaro senso di interesse nel campo della fotografia in generale e di fotografia documentaria in particolare. Era capace di esprimersi in una forma sempre dinamica , cose che i musei e le altre istituzioni presentarono sporadicamente e spesso un complesso, contesto storico. ICP ebbe una funzione eccitante, io aggiungerei.

ICP continua a presentare esposizioni importanti e non, dipende dal vostro punto di vista e serve fedelmente una schiera di devoti. Ancora, il suo bisogno di esistere- come contrario al suo desiderio e l'abilità ad esistere-sembra critico. Anche problematico. Qualche genere di ghetto fotografico che scomodi il quartiere dell’arte. A questo punto, quanto tempo vogliamo per pensare a una pratica fotografica separata dall’arte pratica o comunicazioni in generale? (Io non sto scegliendo ICP; lo stesso ragionamento potrebbe essere fatto su Aperture o qualunque altra istituzione basata sulla fotografia .)

Net Art ed arte basata sulla tecnologia sono alcune delle arene più dinamiche e potenzialmente eccitanti di lavoro creativo che esistono oggi ed in modo crescente così nel prossimo futuro. Ancora oggi, cosi come con la fotografia degli inizi, la risposta delle istituzioni, specialmente in nord America, è tiepida, episodica, secondaria, decontestualizzata . Forse un network museo autonomo è desiderato tanto quanto uno guarda con speranza allo sforzo nascente delle istituzioni riconosciute. Si vuole un museo costruito con l’etere, non una semplice appendice obbligata a tener fede ad un programma e a storie inalterabili

inevitabilmente,anche se avesse successo, o forse soprattutto se lo avesse, un museo autonomo siffatto diventerebbe presto un difensore dell’ordine delle cose preesistenti  e della propria storia piuttosto che un protagonista del futuro. 

Ma cosa accadrebbe se esso fosse stato creato con la precisa intenzione di venire dissolto dopo 10 anni e se le sue inestimabili collezioni, gli archivi, le biblioteche venissero dispersi per sempre? Chi può dire, in questo momento di appoggio troppo esiguo per tali artisti che spesso sono raccolti ed esibiti con una piccola o nessuna compensazione valutaria, se forse essi ricevessero una percentuale di alcun buyout futuro e se ricevessero un 10x dollari futuri è un ragionevole baratto per un x dollars.

Hal Foster conclude " The Archive without Museums ":  “Come essenzialismo, l’autonomia è una cattiva parola, ma non può essere una cattiva strategia:  chiamiamola autonomia  strategica.�? 

Forse i 24 x 7 x 10 "network museo " può essere tale autonomia strategica.

1. Museum in an interface culture

I Musei una volta si consideravano istituzioni per raccogliere e preservare oggetti provenienti da tutto il mondo , luoghi per studio scientifico delle loro raccolte e solamente ultimamente come luoghi per esporre l'esotico al pubblico. Alcuni si sono riferiti a questo periodo di mostra come la filosofia di esporre accatastando ed impilando. Negli anni i musei sono cambiati moltissimo. Oggi, musei sono diversi, come sono i loro scopi, si può dire che essi siano primariamente negli affari di disseminazione di informazioni piuttosto che in quelli dei manufatti. Il vantaggio di pensare in termini di informazioni è che convalida la raccolta di oggetti astratti, come storie orali e repliche, così come manufatti attuali; i musei sono messi in una posizione dell’ età di informazioni; e rende più facile integrare funzioni tradizionali di raccolta, conservazione, ricerca e mostra con le parole d'ordine nuove, istruzione e comunicazione. --David Bearman (1) Scrivendo nel 1992 sulla tecnologia nei musei, Bearman riassume un radicale cambiamento nel modo di concepire i musei per quanto riguarda la loro missione, cambiamento che da allora non ha fatto altro che accelerare con l'esplosione di Internet ed il World Wide Web. Questo cambiamento ha messo inevitabilmente in difficoltà il ruolo centrale dell'amministratore nel museo. Non che loro non fossero già sotto fuoco su molti fronti, a partire da problemi di autorità onnisciente in un'età postmoderna di significati multipli alle accuse di custodia parsimonioso, alle sfide della comunicazione di concetti difficili e della complessa indagine su un " pubblico " generale (che di solito sottintende un pubblico molto diverso con necessità specifiche e punti di vista spesso-trincerati ). Trascurando il modo in cui il ruolo di amministratori sia definito, comunque, la Rete in particolare e la cultura dell’interfaccia in generale introducono interessanti e forse profonde opportunità che potrebbero essere percepite anche come pressioni competitive nell'arena di cultura. (2) La mia esperienza di questi giorni ( opposta a quella all'anno scorso) lavorando con musei e media nuovi ha dimostrato che sebbene la maggior parte di personale non capisca come Internet funzioni —fatto che sembra perfettamente ragionevole--in modo crescente essi capiscono come può essere utile per loro. Di solito questo è una strada principale per l’istruzione e comunicazione. In questo senso, non c’è niente di particolarmente rivoluzionario sul Web. È un po’ come marketing diretto, solamente più divertente. È come l’apprendimento a distanza, solamente attraverso un computer invece di una macchina fotografica. È come pubblicare un depliant o un catalogo, solamente voi ancora potete fare modifiche dopo che è stampato ". L'eco di McLuhan qui--noi tendiamo a capire i nuovi media, inizialmente in termini della nostra comprensione dei vecchi media--. Io sono interessato a considerare almeno se e come la cultura digitale può intaccare la cultura del museo inaspettatatamente--e forse " irragionevolmente". Scrive verso la fine della Interface Culture Steven Johnson: I cambiamenti più profondi introdotti dalla rivoluzione digitale non comporteranno trucchi di programmazione nuovi. . . . I cambiamenti più profondi giaceranno con le nostre aspettative generiche sull'interfaccia stessa. Noi verremo a pensare un disegno di interfaccia come qualche genere di forma d’ arte--forse la forma d’ arte del prossimo secolo. E con un enorme cambiamento spunteranno a centinaia conseguenze ed effetti che goccioleranno giù bagnando una vasta parte della vita di ogni giorno, alterando i nostri appetiti narrativi, il nostro senso di spazio fisico, il nostro gusto in musica, il disegno delle nostre città [enfasi aggiunse]. (3)

Io sono scettico per quanto riguarda l’ interfaccia che diviene la forma d’arte nuova per un secolo, ma io trovo plausibile che le nostre comprensioni di interfaccia si espanderanno drammaticamente ed avranno un impatto direttamente sull’ espressione creativa che è il motivo per cui in questa articolo/saggio io miro primariamente, anche se non esclusivamente, agli esempi dell'intersecazione dei musei col Web nelle arti. Io credo che artisti contemporanei e " interfacers " (Johnson) abbiano molto da insegnarci sulle possibilità dei nuovi media in una società di cambiamenti. 2. Museums Respond to the Web Virtual tours & Augmented museum exhibitions Andando oltre al "catalogo" dell’epoca dei siti Web museali, le istituzioni museali si resero conto rapidamente della possibilità di mostrare le loro esposizioni online, con il vantaggio di poter esibire i lavori con ricche spiegazioni cosa che non era possibile nelle tradizionali esibizioni. Esemplare dimostrazione fu la prima esibizione online di Smithsonian “The White House Collection of American Crafts�? presentata e prodotta dal National Museum of American Art.

Questa esposizione incluse video ed audio clips in cui un curatore descriveva opere selezionate e che maneggiava in modi  che non potrebbe essere possibile durante l'esposizione. Inoltre, ogni artista doveva rispondere ad una serie di domande in riguardo al proprio lavoro, che non faceva parte dell'esposizione stessa.(4) 

Un altro esempio più recente di esplorazione on-line di una esposizione museale è San Jose Museum di realizzazioni eccellenti di Arte di Alternating Currents.

Questo sito mette in luce come la crescente raffinatezza del HTML permetta molto più grande controllo del disegno e del layout delle pagine Web. Nota che le versioni on-line di The White House Collection of American Crafts e  Alternating Currents sono chiamate tours, un'importante differenza semantica che tenta di chiarire il concetto che le presentazioni on-line non sono sostituzioni  delle esposizioni. 

You are There:The Immersive Interface Un altro approccio oltre all’esposizione " che i musei hanno tentato sul Web è un " you-are-there, " più coinvolgente interfaccia usando QTVR (e.g. Andersen Window Gallery del Walker Art Center), RealSpace (e.g. Thomah Moran del National Gallery of Art) o VRML (e.g. The Virtual Endeavour del The Natural History Museum). In particolare, un esperimento proveniente dal Virtual Endeavour mostra che i più giovani visitatori preferiscono maggiormente l’interattività ed il controllo sulla navigazione permessi da un'interfaccia immersiva. (5) Se ciò si dimostrasse vero, può divenire una ragione significativa per musei sperimentare interfacce innovative. Attualmente tali lavori spesso sono considerati, semplicemente " bells and whistles " che, ammettendo che comunichino qualcosa, complicano piuttosto che migliorare la comunicazione.

The Virtual Endeavour effettivamente aveva un VR componente. Le altre istituzioni come Ars Electronica a Linz e ZKM a Karlsruhe stanno rivolgendo pienamente l’attenzione ad immersivi ambienti, che potrebbero essere trasmessi, anche come è dimostrato dal programma Nice all’Electronic Visualization Lab all'Università di Illinois. (6) The Extended Exhibition

Definitivamente, in termini di tour on-line delle esposizioni museali, oltre l'esposizione e la presentazione dell’interfaccia immersiva, c'è anche l’ipotesi di estendere l'esposizione. Come le migliori pubblicazioni di esposizione, estendere un'esposizione on-line significa più che semplicemente ripresentarla ma anche riformattarla per questa possibile esperienza nel medium--di fronte ad uno schermo di un computer, trasmessa attraverso Internet.

Un esempio è l'esposizione Diana Thater: Orchids in the Land of Technology. La versione on-line fu annunciata da una serie automatizzata di pagine, che ripresero uno dei video di Thater, che sembrava un " tunnel " all'ingresso della home page del Walker.(7) Cliccandoci sopra, esso precipitava l'osservatore di fronte ad una massima di Walter Benjamin che si srotolava, che era basato anche su una " direttore di Telematic Connections wall label " esposto su un monitor all'inizio del sito-esposizione. L'osservatore può anche vagare attraverso le gallerie di QTVR, dove molti degli oggetti dipinti sono “hot�?. Mentre i visitatori navigano, è possibile ascoltare frammenti di audio preso da un dialogo con un artista. Ma è qui che il disegnatore, Louis Mazza, estende l'esperienza ri-mescolando l'audio in un modo che chiama attenzione al mix, proprio come il modo di mixare i canali rgb del proiettore di video appartenente a Thater chiama attenzione alla tecnologia e alla costruzione del retroscena della normale e trasparente esperienza narrativa È una linea eccellente tra presentare il lavoro in un'esposizione ed estenderlo appropriatamente—cioè adatto al lavoro e al mezzo.

Exhibitions Designed to be Online

In modo crescente, le esposizioni sono progettate per essere almeno parzialmente on-line. Ovvero, dalla prima concezione per un'esposizione, un componente on-line integrato è progettato. Primariamente, questi comportano le esposizioni basate sul sito, ma ciò sta anche cambiando, come noi vedremo. Alcuni esempi includono: Arts As Signal, Inside the Loop, Bodies Incorporated, Mixing Messages, Graphic Design in Contemporary Culture, e Techno Seduction.


Una delle esposizioni on-line più radicali è Revealing Things di Smithsonian curato da Judy Gradwahl. Basato su "qualunque oggetto" nella raccolta del National Museum of Natural History, non c'è nessuna installazione fisica riferita a questo lavoro, al quale Gradwahl dedicò più di due anni. Non è chiaro se con il passare del tempo, le esposizioni completamente virtuali di oggetti fisici diverranno una pratica comune--alcuni direbbero che un oggetto autentico è quasi l'unica cosa che separa i musei da ogni altro progetto tenuto da un curatore on-line--ma malgrado tutto, questo è un importante parametro. Il sito utilizza anche un'interfaccia innovativa basata sul Thinkmap del Plumb Design.

The Curator As filter E’ trascurabile in quale forma venga spezzettato, chiaramente, mettere qualche versione di un'esposizione on-line non è lo stessa cosa che lavorare sul Web. Qui i musei fini ad oggi sono stati più circospetti, ma ci sono molte direzioni vantaggiose che sono state provate. Attualmente, la community museale sta facendo molti sforzi semplicemente digitalizzando le sue risorse e rendendole in modo crescente accessibili on-line. La digitalizzazione dei beni non è dissimile alla funzione storica che aveva il museo nel preservare i manufatti. Questo processo ottiene sempre più successo, quindi ci sarà la necessità di trovare modi di filtrare la vasta quantità di informazione disponibile. L'enfasi si sposterà dal creare " semplicemente " contenuto a presentare un contesto per esso e quindi un modo di vederlo --dal momento che uno dei ruoli del curatore è identificare, contestualizzare e presentare un certo punto di vista relativo ai lavori artistici. Mentre molti siti Web museali possiedono elenchi di links, pochi tendono a " curare " questi links.

Il sito Web di Whitney, per esempio, dichiara, " Da questa ubicazione noi proponiamo un link ad un altro sito museale , in cui vi è materiale di contenuto museale di grande interesse. L’ inclusione in questo elenco non costituisce una adesione al Whitney Museum, né questo elenco da alcuni sembra essere ritenuto esauriente ". E mentre questo può essere più esplicito di tanti altri, non è raro. The Musee d'art contemporain de Montreal ha una delle liste di arte contemporanea più organizzate e ricche sul Web, ma essi non procurano molta contestualizzazione per i links . Il Cincinnati Contemporary Arts Center, dichiara " Noi siamo interessati ad esplorare il Web come un nuovo mezzo per artisti e stiamo progettando di sviluppare questa pagina di Esposizioni Virtuale per fare solo questo. Nel frattempo, ecco i links ai vari siti che usano il ciberspazio come spazio artistico". Essi provvedono a fornire un contesto alle informazioni per quanto riguarda i links. Molto interessante, un museo di scienza, l'Exploratorium, elenca settimanalmente “dieci siti freschi�? molti dei quali sono spesso siti artistici. Il sito on-line del Museo Nazionale di arte fotografica Helios, riesamina anche risorse web di fotografie ogni due settimane in “Trasmissions�?

Curating the Web: Maps & Hyperessays 

Il parallelo più vicino ad una lista di links Web può essere la bibliografia annotata.

Un volta che noi, comunque, abbiamo condotto ricerche fuori dell’ambito della collezione del museo (sul Web), seppure in un aspetto bibliografico, le barriere concettuali si schiudono per rivolgersi al Web stesso, ad esempio.. Chiaramente, le esposizioni  fuori dalla raccolta non sono niente di nuovo, ma ancora non è praticato estesamente sulla Rete. Ci sono comunque, degli esempi intriganti. 

L'Istitute for Contemporary Art a Londra ha quello che si chiama “Curatours�?che esplorano idee e temi attraverso siti web. Ogni Curatour esplora un tema diverso e è curato da un specialista all'interno del campo. Fino ad oggi ci sono solamente due curatours e essi si stanno avvicinando alla tarda età, così non è chiaro se ICA intende continuare il programma. Il Colour-colore dell’ artista Jake Tilson si concentra sull'uso di colore su Internet dal simbolismo e problemi teoretici agli effetti che crea . L'altro Curatour, Collapse, in effetti non ha niente di meno di un Web tour eccetto l'idea di usare un'interfaccia diversa--in questo caso VRML—per esplorare il sito Web di ICA avvantaggiandosi in modo diverso, per così dire.


Il Guggenheim Museum ha un programma simile che è chiamato " CyberAtlas," un sforzo concertato di creare una mappa di questo terra incognita [di ciberspazio]. Lo scopo di CyberAtlas è commissionare e raccogliere una serie di mappe di ciberspazio, con una particolare attenzione su siti riferiti ad arte visuale e alla cultura. Diversamente dalla tipica mappa per la navigazione, le mappe in CyberAtlas possono portarvi esattamente dove volete andare dal momento che esse vi dicono come arrivarci : cliccando su un sito Web presente su qualunque mappa, essa vi trasporterà immediatamente alla corrispettiva pagina Internet .


I suoi primi due progetti sono “Electric Sky�? di Jon Ippolito--le Brillanti stelle nel firmamento di arte on-line e le reti che li sostengono--e Intelligent Life di Laura Trippi—“Una mappa tematica che traccia i collegamenti tra i recenti sviluppi scientifici ed arte, teoria, e cultura popolare�?. Ci sono meravigliosi, lavori da vedere, che puntano ad un'importante direzione nella gestione del Web.

Come una variante della mappa Web, il Walker Art Center commissionò un " hyperessay, basato sulla vita e lavoro di Joseph Beuys. L'occasione era un'esposizione del suo lavoro, ma lo scopo era scrivere un testo informativo che non solo potesse essere letto in una maniera non-lineare, ma potesse essere progettato anche per approfittare delle vaste risorse di Internet collegando altrove ogni qualvolta è necessario. Se il World Wide Web è un prototipo del Memex di Bush o il Xanadu di Nelson, poi noi dovremmo essere capaci di costruire un programma che approfitta di questa “biblioteca universale.�? (8) Il Walker progetta di commissionare almeno tre hyperessays per anno su ampi temi che si riferiscono alla programmazione di un sito.


Curating Web Art 

Annotare i collegamenti , progettare una mappa, navigare su una rotta, sono tutte funzioni tipiche del curatore che operano su oggetti digitali e/o in un dominio digitale. Forse l'espressione più chiara di qualche genere di sforzo è gestione dell’arte specifica per il Web . Mentre la tecnologia, includendo il Web, sta costruendo il suo percorso ormai da 30 anni o più, sembra esserci un piccolo accordo nella community del museo per quanto riguarda la definizione o l’importanza della arte specifica per il Web . Molti artisti hanno unito Internet ad un aspetto delle loro installazioni fisiche nei musei: Bowling Alley di Shu Lea Cheang originalmente presentato al Walker Art Center, la recente installazione di Peter Halley e il progetto Exploding Cell al Museo di Modern Art, sono stati nominati solo due ma l’interesse dei musei per l’ arte specifica per il Web è stato più diffidente fino ad oggi. Due dei primi pionieri, è interessante notare, sono entrambi musei universitari con una forte relazione con la fotografia e con l’artista progettatore . Il Museo California di fotografia alla Sponda di UC sta presentando i progetti artistici specifici del Web e sostiene anche esposizioni di installazione che possiedono componenti Web significativi da diversi anni. Essi acquisirono anche una copia del programma software Adobe Photoshop per la loro raccolta permanente grazie all’importanza che avrebbe assunto nel campo dell’immagine @art, uno di cui è un fondatore, Joseph Squier, è un fotografo, è una galleria d'arte elettronica affiliata con la Scuola di Art e Disegn, l'Università di Illinois ad Urbana-Champaign. I progetti di @art includono lavori di Campus Peter, Carol Flax, Barbara DeGenevieve ed altri. Uno degli sforzi più innovativi e sostanziali sostenuti da un museo per favorire la specifica arte nel Web è una serie di oltre mezza dozzina di progetti del Centro Dia fin dal 1994. Qui è riportata la descrizione dei loro sforzi. I progetti degli artisti di Dia per il web videro la luce nel tardo 1994 quando Michael Govan divenne il Direttore di Dia. Il suo supporto entusiasmante per il web aveva due obiettivi: fare informazione su Dia e rendere i suoi programmi accessibili ad un pubblico vasto; e, soprattutto commissionare lavori artistici specificamente costituiti per il web. Fin dalla sua creazione, Dia si è definito come un mezzo per la realizzazione dei progetti di artisti straordinari che non potrebbero essere sostenuti da istituzioni più convenzionali. In conclusione ha sempre cercato di facilitare direttamente esperienze tra il pubblico e il lavoro artistico . Il web pensò all’opportunità di portare direttamente l’arte al pubblico commissionando progetti significativi con artisti che sono interessati ad esplorare l'estetico e le potenzialità concettuali di questo mezzo nuovo. L'Amministratore di Dia, Lynne Cooke, seleziona gli artisti con chi Dia progetta di lavorare in consultazione con Sara Tucker, Direttore dei Media Digitali. Sulla base della nostra estesa ricerca, tuttora in corso, riguardante l’attività dell’arte contemporanea, noi seguiamo il lavoro di molti artisti, sia negli Stati Uniti che all'estero, variando dal giovane ed ignoto all’acclamato e affermato. Noi scegliamo soprattutto artisti dalle belle arti ma anche da discipline adiacenti, includendo danza ed architettura, fondandoci sulla nostra convinzione che essi si avvicineranno al mezzo espressivo in modo profondo, anche se non ortodosso. Gli artisti portano il bagaglio dei problemi e domande che essi rivolgono nel loro lavoro negli altri media al web, formulando progetti che favoriscono le loro proprie idee mentre indirizzano il contesto e le caratteristiche del web. Non ci sono regole formali o orientamenti per questi progetti - il processo di produzione di solito varia moltissimo da progetto a progetto. Sara Tucker lavora accuratamente con l'artista per rendersi conto del progetto in termini ottimali. Decisioni su che banda di frequenza rivolgersi o per quale browser disegnare sono state lasciate all'artista dopo che loro hanno capito i vari compromessi . Sebbene ci siano state alcune eccezioni, la maggior parte degli artisti non avevano abilità di programmazione: nello svolgimento il processo richiede per prima cosa l’esplorazione di potenzialità e limiti, poi l'artista lavora attentamente con Tucker per disegnare e programmare i progetti. Multimedia ed elettronica non sono novità per le arti visuali. Dia, per esempio sostenne le installazioni multimedia da tali artisti come La Monte Young e Robert Whitman nei primi 1970s. Comunque, i media digitali sono divenuti sempre più importanti nelle arti visuali man mano che i progressi nelle tecnologie informatiche e di comunicazione hanno abilitato artisti a manipolare facilmente immagini, testo, e suono, e per distribuire verso un vasto pubblico l’immagine del loro lavoro suggerito dalla crescita esponenziale di Internet. Dato che lo sviluppo storico di alcuni nuovi media, come film o fotografie fu condotto da artisti, è nostra speranza che Dia, perfezionando i progetti di artisti nel reame dei media digitali, possa estendere i confini di questo mezzo, e sfidare i pregiudizi esistenti che lo governano. La meta complessiva di questo programma dei progetti di artisti per il web è commissionare una serie di diversi, ambiziosi e interessanti progetti. (9)


Il Walker Art Center, con il rilancio del suo sito Web nel luglio del 1997 creò la “Galleria 9�? virtuale nella quale istituì una serie di progetti Web di artisti , il primo fu Ding an Sich Piotr Szyhalski (The Canon Series). Nel prossimo anno, il Walker si concentrerà nel commissionare progetti ad artisti emergenti per questo nuovo mezzo , con piani immediati di lavoro di Lisa Jevbrat “Stillmanizing " il Walker sito Web, Paul Vanouse, con una presentazione del suo Consensual Fantasy Engine ed una " adversarial collaborazione " da parte di Janet Cohen, Keith Frank, e Jon Ippolito.

Collecting Web Art Il Museo di San Francisco di Arte Moderna è stato quello che ha attirato maggiormente l’attenzione fino ad oggi nel rapporto tra musei e il Web acquistando parti di tre websites Adaweb, Atlas, e Funnel. Anche se l’amministratore di architettura e disegno, Aaron Betsky, chiese a questi siti Web di fare una donazione alla raccolta, ed egli "sta trattando i pezzi come se egli volesse un disegno grafico piuttosto che lavori di belle arti (10) la consapevole decisione da amministratore di raccogliere " questo piuttosto che quello "--specialmente quando " questo " è un sito Web--è un evento significativo. Il Museo di Whitney di Arte Americana acquisì The World’s First Collaborative Sentence come parte della proprietà di eredità del collezionista Eugene Schwartz e ha progettato di ospitarlo nel loro server anche se ancora è ospitato dal reparto di università dove iniziò.

Walker Art Center  si è anche messo d’accordo in principio per acquisire il sito Web di Adaweb completo, che i suoi proprietari sociali non sono più in grado di sostenere come un sforzo che si protrae nel tempo(11) Adaweb potrebbe continuare ad essere servito dal sito Walker ma i nuovi progetti non potrebbero essere aggiunti a questo. Il Walker progetta l'acquisto Adaweb come  significativo primo passo in un impegno sempre maggiore  per creare una raccolta di studi digitale di specifica arteWeb3. 

Cultural Competition Quando Disney propose di costruire parte di un parco a tema storico in un luogo che era stato un campo di battaglia durante la Guerra Civile in Virginia, ci sono state molte lamentele- e soltanto una parte di esse venivano dalla gente del posto preoccupata dell’impatto che ciò avrebbe avuto sulla loro caccia alla volpe . C'era anche preoccupazione sulla “Disneyficazione�? di storia e come potesse un vero museo come il vicino Smithsonian competere con tale " edutainment ". Infatti, è luogo comune lamentarsi del compito dei musei che devono competere con la varietà prorompente del divertimento popolare, se essi sono Niketown o Disney o Amistad. Senza sottovalutarli--o se preferite senza voler analizzarli a fondo--i problemi di autentiche ed inautentiche esperienze in una cultura interposta, dalla mia prospettiva dimenticano di dover competere con la visione artistica di un Steven Spielberg o James Cameron, i musei difficilmente tengono d’occhio e vanno di pari passo con i più modesti sforzi di artisti ed organizzazioni di artisti che lavorano oggi nel Web. Nel gennaio del 1997 mi si chiese dalla pubblicazione di AAM, Museum News,di scrivere sui migliori siti del Web riguardanti il museo. Io finii per suggerire che un non-museo, artnetweb aveva il miglior sito Web di museo. L'ambiente del museo Web in ordine di importanza è il più ricco, ma io ancora non sono convinto che i migliori siti musei Web siano stati prodotti da musei di mattoni-e calcina con raccolte di opere.

Virtual Museums Proprio come nella vita reale," dove il Louvre è uno dei musei più rinomati nel mondo, Le WebLouvre è uno dei più conosciuti, più visitati, e spesso è il sito Web più collegato nel ciberspazio. Solamente Le WebLouvre è un museo virtuale. Non ha una raccolta e non è ufficialmente riferito al Louvre (ora è chiamato formalmente Le WebMuseum dopo una " conversazione " con gli avvocati del Louvre).

Parte dell'ENST (Scuola  Nazionale  Superiore delle Telecomunicazioni, Parigi) sistema di servizio del World Wide Web, Le WebLouvre – con  nessuna relazione ufficiale al famoso museo di arte- fu creato da Nicolas Pioch, uno studente di 23-anni ed istruttore di scienza del computer all'ENST. Il progetto è sviluppato continuamente ed esteso con l'aiuto di collaboratori esterni perché " più sostanza artistica è necessaria su Internet, " come spiega Pioch.(12) 

Ci sono altri esempi di musei virtuali che “prendono�? anche in prestito le raccolte di altri musei o si modellano facendo riferimento ad un museo, ma io sono più interessato alla incredibilmente vasta serie di " istituzioni " che fanno molte cose che i musei dovrebbero pensare a fare di più , senza avere bisogno di definirsi in quanto musei. Qual è il punto, dopo tutto, se non il fatto di stabilire se la raccolta sia virtuale (i.e. non-esistente) o digitale, in quale caso sia infinitamente e precisamente replicabile e se il problema di proprietà non sia centrale come gli altri generi di problemi, come punto di vista, contesto, innovazione, supporto di pratica artistica, e molto più?

Virtual Arts Organizations

Ci sono probabilmente un centinaio di organizzazioni virtuali anche nel reame delimitato di arte contemporanea. Un elenco inadeguato di alcune delle più notevoli potrebbero includere: Adaweb, Digital XXX, Irational.org, Stadium, The thing, Turbulence, Year Zero One, and ZoneZero. Un elenco degli artisti e progetti rappresentato da solo questi siti, comunque, costituirebbe una “raccolta�? significativa . [Prima che tu ti lamenti nei riguardi di tutti i grandi siti smarriti, leggi che molti sono discussi sotto in contesti diversi.] In più è impressionante e fonte di ispirazione, l'impegno di ognuno di questi siti ad un contesto critico, l'istruzione,un’ interfaccia innovativa,una comunità costruita,una selezione nella gestione. La domanda interessante non è come questi siti si accordano con siti di musei o esistano come musei virtuali, ma piuttosto, che cosa i musei tradizionali possiedono che non potrebbero avere e che non possiedono questi siti ? Prima di rispondere a questa domanda, comunque, gradirei analizzare una delle altre “competizioni�? che i musei affrontano. Nel "mondo atomico," è difficile per una rivista d’arte per esempio, competere direttamente con un museo. Un " progetto " sulle pagine è raramente comparabile ad un'installazione nelle gallerie. Nel reame digitale, comunque la galleria virtuale di una rivista è potenzialmente efficace come la galleria virtuale di un museo--entrambe possono provvedere lo stesso valore di spazio di galleria, di ciberspazio, di colore spaziale, di capacità di codificazione. Ancora, qual è la differenza?

Zine Galleries

Può essere vero che [ogni reparto di arte  laureato e 50% dei reparti universitari]?? stanno avviando in tutto il mondo riviste on-line . E molti di loro sono veramente buoni. Non è l’accademia l'unica fonte di opuscoli . Ma da qualunque luogo essi provengono ,  trattano  con l’arte e la cultura visuale in un modo significativo, “curando " gallerie digitali di opere on-line. Una breve e ancora  inadeguata lista potrebbe includere la galleria rgb di Hotwired, Leonardo Electronic Almanac,       Speed, Switch dal CADRE Istituto a San Jose State University, Talk Back!, Perché non Sneeze? E molti altri.

Mentre mi stavo facendo un’opinione sul proposito di Leonardo Electronic Almanac Gallery , io sentii il bisogno di tornare poco indietro per poi avanzare . Il World Wide Web è diffuso come " gallerie virtuali, " la maggioranza di questi sono semplicemente collegamenti di lavoro o home pages personali. Sebbene casualmente interessante, questi siti presentano più una raccolta di disegni piuttosto di ciò che qualcuno si aspetterebbe sotto la sembianza di una ‘ galleria.’ Con la LEA Galleria io volli sostenere degli aspetti della tradizionale galleria: la presenza dei curatori, temi, ed un significato del luogo in una storia rispetto a quello del Word Wide Web.

La galleria di LEA è concepita per non mutare mai --adattandosi nei riguardi del disegno e funzione per completare nuovi progetti così come offrire una struttura per archiviare vecchi lavori. Mentre il Leonardo Elettronic Almanac stesso è progettato per favorire una grande varietà di utenti--quelli sull'orlo di un’ emorragia della tecnologia così come quelli che contano sul modem ed il più vecchio browser--la galleria di LEA è stata progettata per approfittare di alcuni degli sviluppi più nuovi tecnologici. Come la galleria evolve ed adatta, così fa la tecnologia che usa, e tenendo la galleria aperta all'esplorazione tecnologica, crea la possibilità per sperimentare progetti che utilizzano animazione, suono, VRML e Java.

Il futuro della galleria include la presentazione dei nuovi lavori che esplorano i confini dell’arte, scienza e tecnologia, distribuzione di lavori d'attualità con temi esplorati nei problemi mensili dell'Almanac, omaggi artistici a pionieri di media e lavori che illuminano contemporaneamente teorie nelle arti e scienze.--Patrick Maun, tutore della LEA Gallery(13) Come il programmatore per la Galleria 9 di Walker, io potrei, identificare molti degli stessi obiettivi. In cosa siamo diversi?

A Moveable Feast Uno dei migliori siti conosciuti per i nuovi media non aveva neanche una casa pubblica e permanente fino all'anno scorso. Comunque, Ars di Electronica di Art, Festival dell’ Arte, è stata una forza significativa da almeno 20 anni e nei recenti anni ha avuto una importante presenza nel Web. Similmente, la conferenza annuale per la Società Internazionale per Arti Elettroniche (ISEA) ospita un sito Web con un set scelto di collegamenti al lavoro di artisti. La venerabile conferenza di SIGGRAPH ha una galleria d'arte on-line. Anche il più recente Documenta ha curato un sito Web separato dalle sue installazioni fisiche. E per i Musei di questo anno e per la conferenza del Web,vi è un'esposizione on-line di net art.. Qualche sforzo più significativo in termini di identificare e contestualizzare la net art è stata fatta in tutto il mondo su una base annuale di feste e conferenze. E mentre un collegamento di CU-SeeMe o click di http non possono essere la stessa cosa come sorseggiare un espresso ad un caffè di marciapiede a Parigi,è veramente una festa sul network che tiene conto di alcuni degli stessi vantaggi tipici dei musei presenti su un sito.

Designing Art Nel reame digitale, sembra quasi che gli studi di design non rappresentino abbastanza, tanto da avere pochi ma prestigiosi accoun come i siti di un museo sul Web. Molte delle migliori agenzie creano i loro propri siti Web “artistici " semi-autonomi,sforzi che sono considerati un sbocco creativo e qualche genere di sforzo di ricerca per un margine di disegno penetrante. Per esempio, Agency.com ha UrbanDesires,un tentativo precursore delle riviste che è coinvolta nel cambiamento, ma i cui risultati forse sono addirittura più direttamente collegati nella creazione di contenuti culturali " ...noi daremo vita ad una sede per la distribuzione di una nuova-scuola di nuovi media : lavori estremamente visuali, racconti non lineari,ma interattive esplorazioni,brevi film, animazioni,giochi,esperimenti giochi con i media.... ecc. ".(14). Razorfish svolge due lavori. The Blue Dot “curato�? da di Craig M. Kanarick, che prende come sua sfida di dimostrare che il Web può essere interessante, " e l’obiettivo che è quello di creare una rete on-line di contenuto originale quando qualcun altro ha ceduto. Oltre la confusione di disegnare case creando un contenuto artistico originale, l'interfaccia stessa, come è stato discusso, è un'importante forma di arte (e.g. SFMOMA che raccoglie siti Web di disegno). Un'interfaccia particolarmente interessante, l'Enciclopedia completa di disegno Thinkmap/Visual era veramente un derivato del… di Razorfish, e è l'interfaccia principale per l'esposizione di Smithsonian, Revealing Things menzionato per primo.

e-Commercial Galleries 

Le Gallerie commerciali in tutta la storia di arte moderna sono state fra le più previdenti nel riconoscere nuove forme di arte. Forse data la facilità di riproduzione di molta net arte unita ad un atteggiamento teso all’anti prodotto da parte di molti artisti che praticano la net art, non c'è ancora una vasta attività sulla net art da parte di gallerie commerciali, ma dei lavori significativi esistono, come la Sandra Gering Galleria, Postmaster. Ci sono anche altri iniziative interessanti, come il Robert J. Schiffler Foundation. Biblioteche & l'Archivio Normalmente, noi pensiamo a biblioteche ed archivi come complementi di musei, e certamente lo sono, chiaramente (e anche viceversa). Allo stesso tempo, nella misura in cui i musei sono " fondamentali negli affari di disseminazione di informazioni, c'è sovrapposizione. In breve tempo, i lavori di bibliotecari per identificare fonti di qualità di informazioni dovrebbero indirizzarli verso risorse di museo, se noi facciamo bene i nostri lavori.(15) A lungo andare, comunque, decisioni circa "materiali " per archiviare--incluso, per esempio, il sito Web di arte ,--è equivalente ad una decisione amministrativa . Non solo escludendo la possibilità che non siano gli amministratori a prendere queste decisioni, ma che queste potrebbero non venir fatte da alcun essere umano Nella sua affascinante relazione per il Time & Bits conference, Michael Lesk ridimensiona la nozione che sarà fisicamente impossibile per immagazzinare la somma di conoscenza umana ma suggerirà anche un più grande problema--come valutarlo.

Ci sarà abbastanza spazio sul disco e deposito su nastro nel mondo per immagazzinare tutto ciò che scrivono le persone, affermano, compiono o fotografano. Per quanto riguarda la scrittura ciò è già nella realtà ; per gli altri ci vorranno solamente un anno o due. Solamente una piccola frazione di queste informazioni è stata approvata professionalmente, e solamente una piccola frazione di esso sarà ricordata da chiunque. Come notato precedentemente l’accumulo di contenitori mediatici supererà nel tempo la nostra abilità di creare contenuti; e così dopo l'anno 2000 lo spazio disponibile sul drive o link di comunicazione conterranno dialoghi tra macchina e macchina, non tra uomo e uomo. Quando raggiungeremo un mondo nel quale una parte disponibile di informazioni non sarà più controllata da una creatura umana, noi avremo bisogno di sapere come valutare automaticamente tutto per decidere quello che dovrebbe essere la preziosa risorsa dell’attenzione dell’uomo Standards, Dewey, decimali, archivio, longevità. Questi non sono temi sexy, ma a meno che noi prestiamo attenzione, la storia può finire per essere capita dai nostri nipoti in un modo molto diverso da come noi l’abbiamo vissuta.

4. Artists ShowtheWay

Gli artisti capiscono quasi intuitivamente la rete, hanno mostrato interesse incredibile ed entusiasmo nel processo di collaborazione, e hanno messo in mostra argomenti veramente interessanti per quanto riguarda ciò che può essere usato dal Web, come potrebbe cambiare il modo con cui noi comunichiamo, come potrebbe raggruppare persone in modo vario, creando quello a cui io mi riferisco come un mondo di vigeo --la geografia virtuale, informata da media.--Benjamin Weil, amministratore, Adaweb

net. art Non solo molti artisti stanno impegnando il Web con lavoro innovativo, ma alcuni stanno mettendo in discussione anche il ruolo potenziale dei musei e di altri istituzionali spazi/collezioni vis-à-vis il Web in modi concorrenziali. Il problema ovvio che viene fatto notare è la struttura molti-a-molti di Internet e quello che è stato chiamato " disintermediazione ". In altre parole, attraverso Internet, un artista può arrivare quasi ovunque nel mondo può raggiungere quasi ovunque chiunque abbia un collegamento a Internet senza dovere avere un " mediatore, " come in una galleria o museo.

Uno dei lavori migliori- conosciuti a questo riguardo--e più misterioso in molti modi--è una confederazione sciolta di artisti che qualche volta lasciano entrare alla rubrica " net. art " e hanno raccolto vari punti circa la discussione degli elenchi nettime ed il sito Web irational.org così come molti altri. E’sufficiente dire che gli archivi nettime ed irational.org valgono spendendo una grande quantità di tempo leggendo ma che gli artisti e teorici associati con net. art consapevolmente introdussero problematiche di gestione ed istituzionalizzazione nello stesso tempo in cui essi ne stavano praticando le forme Anche quando noi parliamo sulla netart e di arte sulla rete qualche persona afferma che noi dovremmo liberarci dalla vera nozione di arte e che noi dobbiamo fare qualche cosa che non è riferito al sistema di arte, ecc. Penso che non sia possibile per tutti, specialmente sulla rete, a causa del sistema di hyperlink. Qualunque cosa tu faccia può essere messo in un contesto artistico e può essere collegato ad istituzioni artistiche, siti riferiti all’ arte.--Alexeij Shulgin La Netart funziona solamente sulla rete e sceglie fuori dalla rete o il " netmyth " come filo conduttore.. Tratta spesso con concetti strutturali: Un gruppo o un individuo disegna un sistema che può essere esteso da altre persone. L’impressione è che la collaborazione di un numero di persone diverrà la condizione per lo sviluppo di un sistema complessivo.-- Joachim Blanck Il Desktip IS di Shulgin è sintomatico di questo approccio. Desktop IS è sia un " lavoro " di Shulgin sia un lavoro di gruppo aperto a chiunque. La " chiamata " ha valore citata nella sua interezza.

Desktop IS

La prima Esposizione On-line, Desktop ed Internazionale http://www.easylife.org/desktop

Se voi gradireste partecipare: - prendete una fotografia istantanea del vostro desktop (PrtScr " pulsante per Windows e " Apple+Shift+3 " la combinazione per Macintosh) - salvatelo come file JPEG e chiamatelo " desktop.jpg "

- mettetelo sul vostro website ed create il  collegamento email a desktop@easylife.org (se voi non avete un website, anche l'e-mail al vostro desktop.jpg file come un attaccamento - noi lo metteremo on-line sul sito Desktop Is ).

Non c'è termine massimo per l'esposizione, le nuove entrate saranno aggiunte quando ricevette per almeno 6 mesi dal 20 ottobre 1997. Noi stiamo considerando di mostrare Desktop IS in una galleria. Tutti i partecipanti saranno contattati poi per discutere dettagli e le condizioni.(17)

Non c'è niente di rivoluzionario, chiaramente, riguardo ai progetti artistici che invitano ad un’aperta partecipazione secondo una configurazione prescritta. Molti artisti hanno fatto questo durante il passare degli anni, così come l'importante lavoro di Thomas Lew con fotografia nei primi 70s. Là anche paragona con artisti di posta che " come professionisti di un movimento artistico internazionale trattano  il sistema di distribuzione come integrante al loro mezzo ". E Group Material  descrive così il loro processo:

È probabile che il nostro metodo di lavoro sia descritto meglio come dolorosamente democratico, perché così gran parte del nostro processo dipende dalla revisione, selezione, e giustapposizione critica di oggetti culturali ed innumerabili, aderire ad un processo collettivo è estremamente lungo e difficile. Comunque, l’apprendimento condiviso e le idee producono risultati che sono spesso inaccessibili a coloro che lavorano da soli. (18)

Internet forse è comunque,un mezzo unicamente fluido e di supporto per tali progetti--in termini di distribuzione della chiamata, in termini di semplicità nel creare il lavoro, in termini di offerta del lavoro e specialmente in quanto offre la possibilità di esporre il lavoro (nonostante la possibilità di un'installazione di galleria di Desktop IS, esso vive perfettamente comodamente sulla Rete). Comunque, forse di maggiore importanza come la Rete diviene in modo crescente onnipresente, l'interfaccia disegnata diviene simultaneamente centrale alle nostre vite, e è importante interrogarla ed esplorarla come qualcosa di costruito e non naturale, come invece siamo giunti a pensare inconsciamente il desktop, --se noi ne pensiamo affatto.

Collaborative Art 

L'installazione di File Room di Antonio Muntadas non fu intesa come un progetto Web-unico come The World’s First Collaborative Sentence di Douglas Davis, ma specificamente fu esteso al Web per invocare la collaborazione di persone da tutto il mondo.

File Room... documenti individuali e numerosi di censura in tutto il mondo ed in tutta la storia con un  computer interattivo facile da usare. ... File Room non si comporta come un'enciclopedia elettronica ma come un mezzo per scambiare informazioni, ed un catalizzatore per il dialogo. I testi e le immagini sono scomparse, sono state rimosse dalla vista, o sono state  proibite fin dall'inizio di storia. Questo progetto intende di rendere visibile, nel mondo, alcuni di questi incidenti ed atti come una fonte di documentazione per nuovi incidenti che possono essere sottoposti da utenti on-line. 

File Room non solo permette agli utenti di aggiungere le loro proprie storie agli archivi, ma usa anche capacità di accesso casuali e ricercabile di media digitali per aiutare a fare ciò che era invisibile più facilmente visibile. Anche se, come un poscritto ironico e tragico, con la chiusura di Randolph Street Gallery, che co- produsse il progetto,File Room è non è più disponibile online nella sua più recente versione 19)

Audience As Curator

Se il ritornello popolare dei visitatori alle esposizioni di arte astratta e di altra arte contemporanea è "anche la mia nipote di 6 anni potrebbe farlo, " l’equivalente sulla rete può essere un agente intelligente che conosca prima di voi un libro o un CD musicale o un’ opera che vi piacerà e vi collegherà ad esso. La squadra di artisti Komar e Melamid hanno preso questa andatura ulteriore creando dipinti basati su preferenze di utente “scientificamente provate ". Questo progetto, creato dal dissidente artista russo Vitaly Komar ed Alex Melamid, tenta di scoprire quello che sembrerebbe l'arte veramente popolare �?. Attraverso una ditta di marketing professionale, un esame fu condotto per determinare quello che gli americani preferiscono in un dipinto; i risultati furono usati per creare il dipinto Most Wanted America’s. Questo progetto fu esteso al pubblico, attraverso Internet al website di Dia, permettendo ai visitatori di vedere i dipinti basati su sondaggi completi su una dozzina di paesi, analizza i dati di esame, e partecipa direttamente a un esame di website per creare un nuovo "Most Wanted "dipinto specifico alla community di Internet. Mentre Komar e Melamid non sono andati finora oltre nel massificare " le loro offerte--essi sono interessati più al mezzo e alla norma--l'aspetto che chiaramente gioca nel portare il loro progetto sul web è la così vantata comunicazione a doppio senso della rete . Non solo gli osservatori dicono agli artisti quello che loro pensano,essi possono influenzare anche direttamente quello che essi creano.

Paul Vanouse prende ciò come un passo avanti  con il Persistent DataConfidente progetto. Con PDC,i visitatori affermano un segreto  (di almeno 10 parole) e poi è detto un segreto, quale loro valutano  (Vanouse lo chiama cu-percentuale) su una scala di 1 a 10. Col tempo, come man mano che i segreti ricevono più stime, essi sono a turno algoritmicalmente giudicati come convenienti per la " riproduzione ". Alla fine i segreti stimati maggiormente e sono uniti per creare un " nuovo " segreto. Curare arte come la selezione Darwiniana? Partecipanti arrivano a scegliere /curare il loro favoriti sì, ma i risultati delle loro scelte sono ignoti--in un modo non dissimile dalla casualità che tra poco darà luce alle opere di Komar e Melamid.  

The artist As Museum Da Andrew Wyeth ad Any Warhol, non è niente di nuovo avere un museo dedicato ad un solo artista, anche quando l'artista è vivo. È piuttosto solito per l'artista essere architetto, direttore, disegnatore di esposizioni, pubblicazioni e direttore, archivista, educatore, e, oh sì, artista. Ma c'è un numero di tali edifici su Internet che allegramente imita le strutture tradizionali dei musei negli zero g di ciberspazio. Il Lin Hsin Hsin Art Museum forse è l'esempio più energico circa, completo di negozio di souvenir, caffè, una toilet musicale e molto, molto più. Ora diventa un membro! E ricevette ammissioni scontate a. . .

Il Hsin Hsin Museum è un po' come una torrefazione di una persona famosa. Uno può parlare di verità vestendolo in eccesso. Ironicamente parlando, il museo di Hsin Hsin infilza Il Museo ricreando così fedelmente ed amorosamente le sue forme senza preoccuparsi troppo dei suoi significati. E questa è una descrizione non imprecisa della prima coppia di onde di siti di Web di museo. Conoscemmo la forma, e noi maneggiammo la tecnologia jazzistica, ma quella è l'esperienza che noi vogliamo avere sul Web?

Comunque, il Project Tumbleweed di Robbin Murphy è un po’ come visitare un grande museo dove molte persone stanno procedendo ed il signage ha veramente solamente senso dopo che voi siete stati alcune volte là e stanno iniziando a divenire comode con cose. Il primo visitatore può essere un po'disorientato, ma è chiaro c'è là qualche cosa. Murphy, un co-fondatore di Artnetweb (e non è sempre chiaro dove uno si ferma e l'altro comincia) scrive del suo progetto:

Il progetto intero è un'esplorazione che evolve nelle possibilità di ambienti on-line multi-dimensionali e sarà un modello per quello che molti pensano di " museo " virtuale. Io uso questo termine con esitazione ma ammetto che è divenuto un termine comune per pensare ad una rappresentazione on-line come qualche cosa di virtuale,volendo dire irreale, e è un modo di pensare in termini multimediali CD-ROM e le altre forme di materiale digitale che sono divenuti correnti ma non sono stata necessariamente applicabili ad un ambiente di trasmissione come Internet.

La mia definizione di virtuale sarebbe più vicina a " universale, " intendendo un museo della possibilità. Infine " irreale " e " universale " potrebbero intendere la stessa cosa nel termine " universo " è una metafora per quello che noi non possiamo comprendere completamente, una menzogna noi diciamo a noi stessi per evitare di pensare l'impensabile. Quindi un buon termine sarebbe potenziale ed ecco perché io il sottotitolo questo progetto " un museo potenziale, una " casa delle muse " che non è basato su una raccolta,sull’ istruzione, sull’essere degli intenditori, o qualche altro aspetto delle nostre istituzioni correnti ma su quello che le muse (le figlie di memoria) promettono--la potenzialità.

Diversamente da Hsin Hsin che contiene" più di 1000 opere digitali�? come un comunicato stampa di Corbis, l'opera è un po' più difficile da trovare nel Progetto Tumbleweed--o piuttosto il progetto è l'opera,in  grande misura . C'è un crollo di contenitore e contenuto. Tutto è superficiale, non conta quanto a fondo si vada. Così scrive  Taylor  Mark circa un altro architetto Bernard Tschumi, nel suo libro nuovo e brillante, Hiding:
Quando la realtà è nascosta, la realtà diviene virtuale ed il virtuale diviene realtà. Nel suo lavoro corrente--specialmente  Columbia University  Student Center--Tschumi estende i processi reali di mediazione e  di virtualizzazione trasformando corpi in immagini. L'in-tra spazio dove gli eventi di media sono rappresentati è piegato nell'edificio in tale modo che gli schermi proteggano gli altri schermi. Schermi infiniti rendono la realtà immaginaria e le immagini vere.... Schermi non sono semplicemente facciate esterne ma sono disposte   in tale modo che l'edificio divenga un assemblaggio intricato di superfici sovrapposte. Come corpi si muovono attraverso pelli che corrono profondamente, il materiale diviene immateriale e l'immateriale si materializza. Lungo il confine senza fine dell'interfaccia, niente si sta nascondendo.(20)

Ci sono sicuramente riproduzioni digitali dei primi dipinti di Murphy,, ma questi servono più come " luoghi "che gli consentano di meditare sia sulla sua vita e sia sulla costruzione di significati/il significato di arte. Più criticamente che presentare qualche nozione del suo lavoro per se stesso, costruite nella struttura di Project Tumbleweed troviamo le nozioni di punto di vista e la prospettiva. Ovvero, Murphy riconosce e interpreta fino in fondo ruoli multipli--e presume che il visitatore verrà anche da punti di vista diversi, se come semplice navigatore o critico, artista o giocatore, archeologo o rabdomante. Il modo strutturale e principale è adattato da tre " livelli " (le prospettive): " gli o l un " è il primo piano (rosso) ed è un’interfaccia con il resto di internet curato personalmente e sviluppato con links ad articoli , e-zines, libri e progetti aggiornati su una base quotidiana. È un’"entrata�? al resto del progetto sebbene la maggior parte dei collegamenti porterà altrove il visitatore. Parecchie istituzioni vogliono tenere i visitatori all'interno del loro proprio " spazio ". Cosa essi non prendono in esame è ciò che negli edifici fisici le persone non si materializzano nella via d'accesso, essi arrivano attraverso qualche mezzo di trasporto--camminando, tassì, l'autobus--e dal " fuori ". La transizione da " fuori " al " dentro " è una metafora on-line ed il vantaggio di collegare sembrerebbe essere l'abilità di collegare in entrambe le direzioni. Il vantaggio è che si crea un spazio di entrata con la possibilità di andare altrove e che favorisce visite di ritorno. L'ingresso ha un altro uso piuttosto come una sala di decompressione estetica.

Da questa piattaforma voi potete entrare nel " Hypomnemata ", o al secondo piano(verde) che potrebbe essere considerata anche come una forma di " studio " per me dove io lavoro su progetti e tengo l'informazione e materiale per questi e futuri progetti. Nel futuro questa piattaforma sarà spaziale usando VRML,Dynamic HTML e o qualunque strumento disponibile al fine di sviluppare metafore spaziali. Io sto tentando intenzionalmente di evitare di pensare in termini di modellistica 3-D e ho optato di cominciare con la quarta dimensione, tempo (o cronologia in questo caso) in una rappresentazione molto semplice. Alcuni dei progetti all'interno di questa piattaforma esplorano tempo futuro in termini di tempo, annodando e usando un ritmo che si avvale di animazione gif e javascript.

Dal " Hypomnemata " voi potete entrare nella "Undergrowth", o sfondo (blu) piattaforma, che consiste di riviste degli ultimi quindici anni che io sto convertendo a forma digitale ed rendendo disponibili . Questi alla fine includeranno immagini e saranno un database di relazioni dove il mio passato, o qualche genere di storia, potrà essere ricostituito. Questo è un progetto significativo da cui i musei farebbero bene a prendere spunto il più possibile

Per una iterazione del museo virtuale apparentemente più tradizionale, sebbene voglia provocare e catturare l’attenzione affatto di proposito,si veda ZoneZero: From Analog to Digitale Photography. Pedro Meyer, il creatore di ZoneZero, comunque, pone un caso forte e provocante che il più buon modo di pensare di ZoneZero e gli altri siti simili non è come una versione virtuale di un mezzo analogo che noi già pensiamo di sapere e di conoscere ma come una forma completamente nuova di arte. Si veda in particolare suo editoriale, " Question of what constitutes art on the Web ".

5. net.curator? 

Guide on the site

In educazione, è divenuto un breve modo di dire per descrivere il cambiamento del ruolo dell’insegnante come passaggio dal " saggio sul palcoscenico " alla " guida sul lato ". La tecnologia non provoca questo, ma può sostenerlo. Con un paragone focalizzato sui musei può essere, che il ruolo dell'amministratore stia subendo una trasformazione simile. E all’estendersi dei processi collaborativi che sono desiderabili, Internet è un grande agevolatore.

Io penso che la prima volta che mi  sono reso conto di  questa possibilità realmente stava inciampando attraverso il listserv per l'esposizione: PORT:Navigating Culture Digital. Fondamentalmente, era un processo di gestione aperto nel quale chiunque avrebbe potuto partecipare,  proporre progetti,  captare una comunicazione. Sarebbe semplice  pensare che tutte le decisioni furono prese su quel listserv, ma fondamentalmente creò un contesto per se stesso,sia per esaminare  le idee sia per identificare le opportunità.(21)
Auto-Curation
Il Hsin Hsin Museo, Project Tumbleweed, e ZoneZero possono essere   visti come esempi di gestione fatta dagli artisti stessi , ma c'è anche l'idea di una gestione automatica. La versione più probabile di questo nel prossimo  futuro—a tutti gli effetti il nostro presente, infatti--è  del tipo “fate la vostra mappa�?. 

Per esempio, io posso andare adesso all'Arts Wire Web e posso mettere come criterio quello di voler vedere arte del web sui siti di musei o di gallerie che contengano la parola “donne “nella loro descrizione Voila. Giro immediato del Web. C'è chiaramente, un numero di fattori dipendenti da come il territorio è coperto, per così dire. Quanto è aggiornato un database ? Come costantemente sono i criteri applicati? Quanto è approfondita l’ informazione messa in catalogo? Quanto sono attinenti i risultati web trovati? Quanto è efficace l’algoritmo? Non può essere il tema più sexy del mondo, ma il database come quelli usati nei siti web della National Gallery of Art e del museo di belle arti di San Francisco permettono una ricerca molto sofisticata delle risorse dei musei. Non c'è ragione--se non altro nessuna verosimiglianza-che capiterà di trovare tali catalogazioni attraverso il Web, attraverso domini di conoscenza, attraverso tipi di manufatto. Con tale Xanadu??-come accesso ad informazione, il valore del ruolo del curatore non riguarderà per molto le conoscenze, tanto quanto appropriatamente esse verranno trasmesse

La narrazione non deve essere confusa con Disney e Hollywood. (22) C'è un programma sperimentale di amministratore " virtuale " chiamato " The Intelligent Labelling Explorer ". Il fulcro del progetto è la produzione automatica di un testo. In questo campo,sono costruiti sistemi che producono testi descrittivi, esplicativi o argomentativi per raggiungere vari e diversi obiettivi comunicativi.. Noi progettiamo di costruire un sistema che produca descrizioni di oggetti incontrati durante un'escursione in una galleria di un museo. In un primo momento , la visita sarà relativa ad una galleria virtuale , esplorata attraverso un'interfaccia ipertestuale.(23) La sfida di calcolo di ILEX è essere capace di generare un testo basato dinamicamente sulle tracce di quello che già ha visto l'utente ed il suo livello di interesse. Per Creare il testo-base, i ricercatori di ILEX passarono molte ore intervistando la curatrice della raccolta (di gioielli) che era stata usata , scomponendo la sua conoscenza in aneddoti riguardanti i diversi oggetti e che aveva raccontato durante la visita guidata

Con molto interesse  a febbraio, Scientific American Frontiers ,pubblicizzò uno spettacolo nel quale " Alan 2.0"--una ricreazione digitale e realistica somigliante ad Alda --fu programmato per essere capace di pronunciare frasi che non aveva mai detto prima soltanto tramite l’accesso ad un database di fonemi che aveva già usato.  Immagina te di unire la produzione dinamica  di testo propria di ILEX con un modello visuale e realistico che possa pronunciare  il testo in modo credibile.(24) La conversazione con un amministratore virtuale che non deve seguire una scrittura pre-definita non è più  fantascienza. 

Il punto di tutti questo è cercare di non esasperare il futuro possibile di amministratori animatronici, che sanno tutto ma non agiscono necessariamente come dovrebbero. Ma come l'abilità della società di elaborare " informazione "diviene sempre più scorrevole, noi possiamo avere bisogno di raffinare le nostre nozioni circa quello che sono gli impieghi migliori per musei e curatori

6. Hybridity e Fusione 

I veri musei virtuali già stanno apparendo sull'orizzonte. Franklin Furnace, per esempio, ha chiuso recentemente le sue porte ed ora sta specificamente curando una serie di spettacoli bisettimanale per Internet e sta progettando di rendere il proprio archivio disponibile attraverso il Web.

Comunque nel complesso , un approccio monolitico, se fatto attraverso  l’utilizzo esclusivo oppure condotto ignorando specificatamente il virtuale , è improbabile che riesca a divenire una tendenza dominante. Invece di “una delle due o entrambe�? , le risposte saranno entrambe o nessuna--un terzo modo. Musei come ZKM già stanno facendo estesi tentativi  di integrare i nuovi media--tutti i media—nella presentazione della loro collezione permanente  su una base  altrettanto permanente. Al contrario, musei di arte contemporanea come Chicago e San Diego, ed il Walker  Center di Art (fra molti) stanno svolgendo lavori significativi per portare  la loro programmazione on-line. 

Recentemente, questo approccio" nella zona di separazione " è stato codificato (almeno versione 1.0) nel manifesto " di Technorealism ". Né Redentore né anticristo, la tecnologia non può dare ai musei uno scopo, ma i musei ignorano la realtà del virtuale a loro rischio e pericolo.

Mi è chiaro quali  applicazioni innovative della Rete devono offrire  i  musei. Quello che resta da chiarire  è se i musei vinceranno " automaticamente " la competizione culturale, se e quando decidano con  ferma convinzione di gettarsi nella mischia  C'è testimonianza di entrambi  i modi. 

Solamente cinque anni fa, voi non potevate avere un marchio più venerabile che quello dell'Enciclopedia Britannica. Nonostante questo , sostanzialmente è capitato che , una versione di CD-ROM da $100 di un defunto concorrente, Funk & Wagnalls, abbia mandato in bancarotta EB. Noi potremmo disputare all’infinito sul fatto che ciò sia stato, o piuttosto fino a che punto lo era già diventato, un caso di " pubblico " che preferisce la convenienza alla qualità, o se sia stato un trionfo di marketing (ombre di vhs contro. beta) oppure se sia stato un dinosauro che non dava peso al suo futuro sentendosi sicuro grazie ad un gigantesco set di ferma porte costato a dir poco $1,000 in un set di humungous di fermate di porta che costano bene più di $1,000, come se la configurazione fosse quella che era importante, non la conoscenza ed le informazioni contenute (IBM vi dice qualcosa?).

Quindi questo cosa  ha a che fare con musei? Io penso che sia una storia di ammonimento  sul fatto che la nostra esistenza non possa essere garantita, specialmente in una forma immutabile che non conti quanto sembri effettivamente impossibile ed anche ridicolo adesso  contemplare un universo senza di noi. Prosperità, se non la sopravvivenza, può richiedere una sempre più ibrida definizione di se stessa ed una apertura a fusioni e mutazioni. 

Come per l’amministrazione , noi non abbiamo nessuna alternativa. Noi andremo dove gli artisti ci conducono.