VideoArt festival di Locarno

Tratto da EduEDA
Jump to: navigation, search

==Argomento== VideoArt Festival di Locarno


==Luogo== Locarno


Descrizione

Il VideoArt Festival di Locarno, la prima e la più antica rassegna in Europa, è, come ha dichiarato lo stesso presidente della giuria del Festival Robert Cahen, "la più vasta e aggiornata occasione di conoscere la produzione di arte video a livello mondiale". Il VideoArt Festival di Locarno, uno degli appuntamenti di rilevanza mondiale per l'arte video: prima e più importante manifestazione dedicata al nuovo pensiero artistico e umano in relazione con le nuove tecnologie elettroniche, ideata e organizzata ogni anno con generosa caparbietà a partire dal 1979/80 dall’editore e produttore d’arte contemporanea ticinese Rinaldo Bianda, fondatore dell’AIVAC (Associazione Internazionale per il Video nelle Arti e nella Cultura AIVAC, associazione nata nel 1982 sotto gli auspici del Consiglio d'Europa e dell'Unesco per promuovere la sperimentazione estetica del linguaggio video nell'arte e nella cultura.). Il festival adotta una strategia che tende a rendere, dal punto di vista visivo, meno faticosa seguire tale festival: il festival infatti si svolge in grandi alberghi isolati dove la concentrazione è quasi naturale. E’ il festival meno chiuso in una visione di culture egemoni e presunte tali, il più aperto agli scambi tra Europa e America, tra Occidente e Oriente. Le ricerche che documenta, gli incontri che provoca, i colloqui che organizza sono espressioni di un orientamento verso una radicale umanizzazione delle nuove tecnologie, prospettiva che qui è stata presentata come la sola utopia utilmente praticabile negli svolgimenti della cultura del nostro tempo. Il Festival attribuisce uno dei premi più prestigiosi della videoarte: "Laser d’oro�? è il riconoscimento AIVAC/UNESCO equivalente, per le arti elettroniche, al Leone d’oro della Mostra di Arte Cinematografica di Venezia.


Sito web

http://www.tinet.ch/videoart/


Bibliografia

  • 1989, L’immagine video, Fagone Vittorio, ed. Feltrinelli, Milano, pp. 108-109


Webliografia

http://www.exibart.com/txt/notizia.asp?IDNotizia=3055&IDCategoria=52

http://www.exibart.it/notizia.asp/IDNotizia/2974/IDCategoria/46