What Counts As Net Art

Tratto da EduEDA
Jump to: navigation, search

Autore:Sara Diamond, Christiane Paul e Mark Tribe

Tratto da: Webby Award Arts Pannel Discussion 2001 Un’interessante discussione e-mail si sviluppò fra i giudici nel 2001 Webby Award http://www.webbyawards.com nella categoria artistica. Noi pensammo che di renderla disponibile, in forma originale, sia perché credevamo che probabilmente le persone la trovassero interessante e sia perchè avevamo il desiderio di mettere in evidenza la trasparenza di questi processi. La discussione qui riportata seguì una chiamata in una conferenza ed una votazione iniziale per arrivare ad un breve elenco. L'elenco breve incluse: Lisa Jevbratt " 1:1 " http://www.c5corp.com/1to1

Marek Walczak e Martin Wattenberg “Apartment�? http://www.turbulence.org/Works/apartment

John Klima " Glasbead " http://www.glasbead.com

Mark Napier " Potatoland " http://www.potatoland.org YOUNG-HAE CHANG HEAVY Industries http://www.yhchang.com

Titolo Originale:What Counts As Net Art


Anno:2001





Ringraziamenti a Marisa S. Olson per aver curato una lunga sequenza di e-mail sottostanti.

SARA DIAMOND: (Guardando la shortlist),E’ sceso a due per me: Glasbead eYoung-Hae Chang Heavy Industries. Perché? Nei loro propri modi, l'inglese a parte come lingua di conversazione,essi si sentirono molto speciali, in qualche modo vulnerabili. Da un lato come un ambiente che ha permesso continuamente trasformazioni della fonte da altri e scambia, e sull'altro, come un personale, ossessivo, doloroso e piuttosto esplosivo che si estende. Io gettai via alcune proclamazioni di ciò che è in qualche modo istituzionale sull'uso del web, i.e. agisce sul vostro hard drive , è esso interattivo contro declamatorio. Perché? Io sento che c'è così poco che attira la mia attenzione in un modo che gioca con la lingua, gioca con io e la fonte come soggetto di desiderio,gioca con la comunicazione in un modo formale che riflette anche sul chat(ter) sul web. Da adesso, io gettai il mio voto per Heavy Industries Presants.

JON IPPOLITO: Io sono in una difficoltà dopo avere letto la discussione di Apartmento v. Heavy Industries [HI]. Il commento di Sara che HI era vulnerabile comparato a Apartment “ emotivamente neutralizzato�? mi ha frastornato. Io penso, avendo la possibilità, di occuparmi soprattutto esplorando il sito Heavy Industries. E ci sono degli attributi di Heavy Industries che sono uguali alla morale di Internet. È facilmente accessibile ( molto più , attualmente, di Apartment Java-dependent) È globale- la dimostrazione delle traduzioni francesi e coreane di molti testi. E diversamente dal poliglotta Apartment—il quale che " amour " fa parte della camera da letto ma non molto più--HI mette in evidenza la differenza tra le lingue in forte rilievo. Per esempio, mentre i testi inglesi mi ricordano esercizi di lettura-veloce, i caratteri coreani mi colpiscono come calligrafia stroboscopica. Ancora non dimentichiamo che la vulnerabilità che Sara legge accuratamente in HI è del narratore, non necessariamente dell’autore. Ironicamente, Marek, Martin, e Jonathan si fanno letteralmente vulnerabili da permettere agli osservatori di dattilografare in frasi inedite come " Questo progetto attira l’attenzione ". L'opera di Chang è radicata in tradizioni vigorose; il suo impatto emotivo conta sulla narrazione ben stabilita e convenzioni musicali contemporaneamente li oppone. Diversamente dalle narrazioni chiuse di Chang , Apartment è un sistema aperto--come Internet stesso. La chiarezza nella nostra cultura è fragile, come è l'innovazione artistica. E forse è l'esperimento sulla chiarezza, piuttosto che l’ irresistibile tendenza su un genere familiare che merita il mio voto...

CHRISTIANE PAUL: Io mi preoccupo profondamente per quanto riguarda i messaggi che noi stiamo spedendo dando ad HI molta importanza. Noi siamo tutti molto immersi in questa forma di arte, così per molti di noi un lavoro come HI (un net film che non vediamo spesso) può essere gratificante. Per il pubblico a per molti artisti, comunque ciò può sembrare molto diverso. In molte delle recenti revisioni di arte web-based scritte da critici di tradizionali media , io ho letto ciò che segue: Che cosa essi considerarono aver maggiore successo era l’arte tradizionale (" sembra essere un vero dipinto ") e non era l’arte supportata dalla tecnologia.

NATALIE BOOKCHIN: Poichè sono disposta a tornare nel 1890s quando Alfredo Steglitz stava promuovendo vigorosamente le qualità formali ed essenziali della fotografia in ordine di accettare esso come uno delle belle arti. Io mi chiedonsi riguardi di questa linea di pensiero--che noi dobbiamo dare il Webby al lavoro che esprime le così chiamate " caratteristiche formali ed essenziali intrinseche della net art " per mandare i messaggi agli arbitri , agli scrittori che divulgheranno con l’ opinione popolare. Noi non stiamo considerando per un minuto uno degli aspetti potenzialmente radicali della net art, e ciò non ha bisogno di un consenso dall'industria del buon gusto per giungere a milioni di persone. I canali sono ancora aperti per net art , perché noi stiamo cercando di chiuderli? Perché un ragazzo lotta nella game categoria nel webbys e nel Walzer art center di arte come arte? Net art ancora può fluire attraverso molti canali e può assumere molte sembianze.

CHRISTIANE PAUL: In cosa è HI di gran lunga diverso da tutto lo sperimentale e dai film più astratti che usano il testo e la musica? Perché non stiamo considerando l'arte di Photoshop, distribuito attraverso il Web? Perché HI impiega immagini commoventi? [....] Io non capisco quello che fa HI net art oltre che essere mezzo di distribuzione (è uno di molti film sperimentali che usano testo ed immagini ed il suo completamento principale per me consiste nel ritmo testuale e musicale che crea). Se ci potesse essere una categoria per film flash e film short sperimentali sul Web, a questa spetterebbe un premio. HI è un sito costituito da film flash ma non ha nessuna delle qualità che distinguono la net art da forme più tradizionali e secondo me non può essere paragonato a ciò che Apartment, Glasbead, Potatoland e 1:1 offrono in riguardo. Io non capisco semplicemente perché questi lavori non esistono secondo un il sito di film flash.

MARK TRIBE: Io sono fiducioso nel mettere [HI] nella categoria di net art perché in questa è stato contestualizzato in pratica. Io credo che fu preso in considerazione per essere sperimentato come (cinematografico) net art , non come cinema web. Io l'ho sempre considerato come arte contemporanea , e è stato detto anche come su Rhizome e, presumo, altrove. Molti studi di arte contemporanea, net art inclusa, oscurano i confini tra discipline. Come noi sappiamo fin da Duchamp,l’ arte è ciò che noi pensiamo sull’ arte.

SARA DIAMOND: Io penso che una delle grandi acquisizioni dei media interattivi, specialmente il web, sia l'abilità per migliorare ed intensificare il dialogo [....] Ma io penso anche che ci sia una soglia che è speciale per l’esperienza di web- based che è associativa, cumulativa, appiccicosa, e che HI cattura in pratica e in un momento. Il testo così è stato una parte della cultura del web, eclissato dal visuale, lacerato e ridistribuito dal disegno. Le mie simpatie per HI (altro che le sue referenze post-industriali) devono dare vita sia alla sua forma, alla sua poesia, e alla sua relazione per la narrazione e da adesso per l’emozione.

JULIA SCHER: Sì, per me, io in realtà non potrei liberarmi dal… [HI] suo impatto. E nonostante non offra interattività offrì altre idee circa control/controllare. invece del mio pensare... " quando acchiappando topi i..." io sto pensando " mentre in questo pezzo..." invece dei miei tasti funzionali " pensanti " io sto pensando " che queste sono per prima cosa tutte le pagine ". Invece di pensare identità/logo " io sto pensando al descrittore permanente dell'esperienza umana invece di pensare "ai frammenti confinati che si adeguano alla mancanza di programmazione critica ,io sto pensando " come la liberalità è stabilita e mantenuta in tutto il lavoro " invece di pensare "semplicemente al trattamento del pezzo concentrato e trattato�? io sto pensando " alla stupenda tipografia di rotoli verticale�? Su Apartment: secondo me il seguente dettaglio, un genere di accurata (trattamento di traduzione) stabilità-fra-le-scelte, e leggibilità di Apartment sono estremamente potenti e convincenti.

NATALIE BOOKCHIN: Io penso che (HI) ultimamente lavori come un progetto net; sta spaventando vedere questo e crudo e diretto " net " film diretto e che è preso sul mio browser e che offre precisamente quello che noi non c'aspettiamo in questo momento da questo ambiente--nessuno bottone per scattare, nessun luogo per l’immissione dati. Io non ho visto mai niente di simile prima ad ora sulla rete. Non è un film che io vorrei vedere attraverso la rete. L'appartamento è interattivo, ma [....] per me è più impressionante per quello che potrebbe fare piuttosto di come viene utilizzato.

CHRISTIANE PAULE: Io non credo in definizioni di un mezzo --particolarmente se è un nuovo e processo-diretto che continuamente trova forme nuove di espressioni e manifestazioni. Comunque, io ho dei dubbi che riguardano il nostro processo di selezione e su quello che noi stiamo comparando . Diversamente posso dire, HI è l'unico progetto del suo genere fra tutti i progetti che noi abbiamo discusso per nomina perché tutti gli altri furono uguali alla descrizione più convenzionale " di net art come sistema-aperto, interattivo, rhizomatic, partecipante e dinamico nel senso di time-based o incorporando dati di real-time (tutti di questi a gradi diversi, nessuno di loro come necessità). L'aspetto interessante dell'intero HI problema è che quello che è percepito " nuovo " e " inaspettato " è il tradizionale e " convenzionale " in un nuovo contesto. HI ha le sue origini nelle narrazioni tradizionale e convenzioni cinematografiche ma noi non lo abbiamo mai considerato o anche paragonato ad un altro progetto del suo genere--sia esso un film flash, un progetto narrativo e non-interattivo o un progetto che usa la rete come un mezzo di distribuzione ma potrebbero essere mostrati su CD ecc. Volendo dire, fra tutte le mele che noi stiamo considerando, che noi abbiamo un'arancia e l'arancia sembra essere preferita a tutte le mele perché è di una qualità che loro non hanno.

MARK TRIBE: Io apprezzo la preoccupazione di Christiane che dando il premio a HI potrebbe inviare un messaggio sbagliato (perché il lavoro non è interattivo). Ma forse è ora di dimenticare che la net art sia immaginata e solo concentrarsi su ciò che realmente ci piace e troviamo interessante / è importante come arte

CHRISTIANE PAUL: (Risposta alla domanda: Puoi vivere giudicando HI?) Se noi avessimo giudicato (HI) fra i siti comparabili, potrebbe essere stato il mio #1. Io non sono contrario a fare il sito vincitore , è molto più di nominarlo al primo posto. Mi piacque il fatto che Young-Hae Chang è senza pretese e fa ciò chiaramente [in interviste] che egli non si considera uno scrittore, usa solamente il 10% di Flash e imparò ad usarlo in 2 settimane. Questo non è stato inteso come una critica,ma significa che la grande arte può essere fatta con il minimo (arte concettuale, minimalismo ecc.) ed io credo che è anche più difficile fare un pezzo veramente grande con minimo. Ma artisti come Duchamp e Beuys (solo perchè questi sono i primi, essa menziona) eliminarono ciò per aprire nuove prospettive e radicalmente per sfidare le nozioni tradizionali di arte.