Museo Marino Marini - ASC

Tratto da EduEDA
Versione del 29 Gen 2013 alle 01:27 di Cristina (Discussione | contributi) (Voci correlate:)

(diff) ←Older revision | view current revision (diff) | Newer revision→ (diff)
Jump to: navigation, search

Il Museo Marino Marini di Firenze, situato nell'ex Chiesa di San Pancrazio, ospita una collezione permanente di opere dello scultore Marino Marini: 183 pezzi tra cui sculture, dipinti, disegni e incisioni. Nella sottostante cripta vengono organizzate esposizioni temporanee dedicate ad artisti e tematiche dal novecento alla contemporaneità.

Facciata dell'ex Chiesa di San Pancrazio, sede del Museo. Immagine dal sito ufficiale

Denominazione/sigla (acronimo):

Museo Marino Marini

Anno di Fondazione/costituzione:

1988

Sede:

Ex chiesa di San Pancrazio
Piazza San Pancrazio
50123 Firenze, Italia

Organi (struttura, organico, esponenti e collaboratori):

Il museo è gestito dalla Fondazione Marini San Pancrazio:


ORGANI SOCIALI


Consiglio di Amministrazione
Composizione:
Presidente
5 Consiglieri
Durata in carica:
anni 5
Nomina:

  • 3 Comune di Firenze
  • 3 Fondazione Marino Marini di Pistoia
  • da altri membri designati per cooptazione dal Consiglio di Amministrazione a maggioranza dei 2/3 dei componenti, in numero tale da essere in rapporto costante non superiore a quello di 2 a 3 con il numero degli altri componenti il Consiglio.

Presidente del Consiglio di Amministrazione
Durata in carica:
anni 5
Nomina
Consiglio di Amministrazione tra i suoi membri

Comitato Scientifico
ove lo decide il Consiglio di Amministrazione
Composizione:
3 Membri
Durata in carica:
anni 5
Nomina:
Consiglio di Amministrazione tra personalità di riconosciuta competenza nel campo artistico e culturale

Collegio dei Sindaci Revisori
Composizione
3 Sindaci
Durata in carica:
5 esercizi
Nomina:

  • 2 Comune di Firenze
  • 1 Fondazione Marino Marini di Pistoia


RAPPRESENTANTI DEL COMUNE DI FIRENZE


Consiglio di Amministrazione

Scadenza: 10-11-2011

Sisi Carlo
ord. n. 661 del 9.8.2006
incarico ricoperto: Presidente

Giovannuzzi Stefano
ord. n. 1102 del 26-11-2008
incarico ricoperto: Consigliere

Manetti Anna Maria
ord. n. 661 del 9.8.2006
incarico ricoperto: Consigliere

Collegio dei Sindaci Revisori

Approvazione bilancio consuntivo 2013

Rabaglietti Nicola
Ord. n. 344 del 23.4.2009
Incarico ricoperto: Membro

Mazzolini Giancallisto
Ord. n. 344 del 23.4.2009
incarico ricoperto: Membro

Spazi utilizzati:

Il Museo Marino Marini è collocato nel centro storico di Firenze, all’interno della ex-chiesa di San Pancrazio, un complesso risalente agli inizi del IX secolo d.c., tra via della Vigna Nuova e Piazza Santa Maria Novella.

Nell’ambiente del museo, sviluppato su quattro livelli, sono stati concepiti e creati dei “percorsi” finalizzati alla lettura delle opere di Marino Marini, con particolare attenzione all’esasperata tridimensionalità dell’artista pistoiese. In particolare spesso viene data la possibilità di “girare” intorno alla scultura, di rimirarla in prospettive sempre variate di accostamenti non usuali, con proiezioni a diversi livelli, oltre che con diverse angolazioni.

Le mostre di altri artisti del novecento e contemporenei vengono organizzate nella cripta.

Contatti:

informazioni generiche
e.mail: info(at)museomarinomarini.it
tel: +39 055 21 94 32
fax: +39 055 28 95 10

Direttore artistico:
Alberto Salvadori
direzione@museomarinomarini.it

Responsabile dell'ufficio:
Gabriella Sorelli
ufficio@museomarinomarini.it

Dipartimento educativo:
Chiara Lachi
educa@museomarinomarini.it

Contabilità:
Daniela Cappelli
amministrazione(at)museomarinomarini.it

bookshop
info@museomarinomarini.it

Sito ufficiale:

http://www.museomarinomarini.it/

Obiettivi:

Il Museo Marino Marini, gestito dalla Fondazione Marini S. Pancrazio, ha lo scopo di assicurare la conservazione, la tutela, la valorizzazione e l'esposizione al pubblico delle opere donate rispettivamente al Comune di Firenze dallo scultore Marino Marini e dalla signora Mercedes Maria Anna Pedrazzini Marini. Inoltre vuole promuovere manifestazioni culturali e esposizioni dedicate ad artisti e tematiche dal novecento alla contemporaneità nella sottostante cripta.

Notevole è l'attenzione del museo a pubblici speciali, quali, per esempio, non vedenti, giovani con ritardo cognitivo e con varie disabilità e persone con alzheimer.

Settori di intervento:

Arte del Novecento e contemporanea.

Attività (ricerca/produzione/formazione/promozione):

  • Conservazione, tutela, valorizzazione delle opere dello scultore Marino Marini.
  • Promozione di artisti del novecento e contemporanei.
  • Organizzazione di corsi di formazione, visite guidate, conferenze, attività per bambini, ragazzi, famiglie, adulti, studenti, disabili (a cura del Dipartimento Educativo).

Origine e storia:

Il Museo Marino Marini di Firenze è nato nel 1988, promosso dalla Fondazione Marino Marini di Pistoia insieme al Comune di Firenze. Si è creata così la Fondazione Marini S. Pancrazio.

"Le opere della collezione permanente sono state donate in momenti diversi da Marino Marini e dalla moglie Marina. Nel 1980 fu donato dall’artista al comune di Firenze il primo nucleo di opere, costituito da 22 sculture, 31 dipinti, 30 disegni e 30 incisioni. Successivamente, nel 1988, la vedova Marini donò al comune di firenze altre 42 opere al fine di rendere più completa ed approfondita la collezione del museo. Nel frattempo il patrimonio museale si è arricchito di ulteriori 25 opere donate dalla signora Marini, dalla signora Del Vecchio, dal lascito testamentario Jesi e dalla signora Freccia. Il museo contiene esclusivamente opere di Marino Marini eseguite tra il 1916 e il 1977, tutte esposte sui quattro livelli dell’edificio di San Pancrazio." (dal sito del Museo).

Dal 1993 l'associazione culturale "L’Immaginario" cura il Dipartimento educativo del museo che propone percorsi, laboratori creativi e progetti speciali di avvicinamento all’arte moderna e contemporanea.

Dotazione tecnica (sistemi/software/attrezzature…):

Progetti (realizzati/in itinere/da realizzare):

Progetti:

I 5 tesori nascosti: è un progetto che unisce 5 musei della Toscana (Marino Marini e Stibbert a Firenze, Pecci a Prato, Museo Archeologico Artimino a Carmignano e Museo Santa Maria della Scala a Siena) e mira ad offrire una prospettiva inaspettata e inconsueta sulle opere e la struttura museale.

"I 5 tesori nascosti", consiste in cinque speciali visite in forma di spettacolo unite da un comune canovaccio ma ognuna tagliata sulle particolarità di ciascun museo, per valorizzarne l’essenza e la vocazione. Le visite vengono accompagnate da un attore e un'attrice della compagnia Piccoli Principi.

Museobus scuole: è un progetto di rete tra sei musei fiorentini – il Museo di storia naturale, l’Istituto e Museo di Storia della Scienza, la Fondazione Scienza e Tecnica, il Museo fiorentino di preistoria, il Museo di casa Buonarroti e il Museo Marino Marini – sostenuto e finanziato nell’ambito del Piano Integrato delle Cultura dalla Regione Toscana. Il progetto Museobus offre alle scuole un servizio di trasporto gratuito volto ad agevolare le uscite culturali delle classi per partecipare alle attività didattiche dei musei. Per la stagione 2012/2013 il Museo Marino Marini ha definito degli itinerari speciali con visita guidata.

Progetti speciali:

L'arte nelle mani: è un progetto in cui rientrano numerose attività e percorsi consentano l'approccio all'arte anche a pubblici speciali quali, per esempio, non vedenti, giovani con ritardo cognitivo e con varie disabilità e persone con alzheimer.

Me(yer) & mu(sei): è un progetto di collaborazione tra il Museo Marino Marini e l'ospedale pediatrico Mayer, finanziato dalla Regione Toscana. Si tratta di laboratori speciali che vengono tenuti nella ludoteca dell'ospedale dagli operatori didattici dei musei in modo da consentire ai piccoli degenti di entrare in contatto con l’arte antica e moderna.

Figure con parole: è un libro che utilizza un approccio narrativo al museo e alle opere di Marino Marini. Il libro si compone di una parte narrativa di dialoghi teatrali tra le opere scritti Roberto Piumini, noto autore per l’infanzia, da immagini fotografiche “d’autore”, eseguite dalla giovane fotografa giapponese Hide Ashizawa, e dagli apparati, a cura di Cristina Bucci e Chiara Lachi, che aiutano il lettore a conoscere in modo più approfondito l’artista e le opere che hanno ispirato i dialoghi teatrali.

Produzioni:

Pubblicazioni:

  • Marino Marini, catalogo ragionato dell'opera grafica (incisioni e litografie) 1919 - 1980, Fondazione Marino Marini, edizioni Graphis Arte.
  • Museo Marino Marini di Firenze, Chiara Lachi (a cura di), Museo Marino Marini, Firenze, 2003.
  • Marino Marini, la forma del colore, Marco Bazzini, Maria Teresa Tosi (a cura di), artout-maschietto&musolino, siena, 2001.
  • Marino Marini, 'catalogo ragionato della scultura / Marino Marini. Catalogue raisonnè of the sculpture, saggio introduttivo di Giovanni Garandente, Skira editore - fondazione Marino Marini, 1998.
  • Marino Marini, the sculpture, David Finn, Sam Hunter, Harry N. Abrams, con introduzione di Marina Marini, 1993.
  • Marino Marini, Giovanni Iovane (a cura di), Fabbri Editori, 1990.
  • Figure con parole, Cristina Bucci e Chiara Lachi (a cura di), Museo Marino Marini - Firenze, 2008.
  • Marino Marini, il mago del colore, Ambra Tuci (a cura di), Fondazione Marino Marini - Pistoia, 2008, edizioni Studio Copernico, Milano.
  • Bruno Sacchi - il museo Marino Marini, a cura di Luca Barontini, 2012.

I CATALOGHI DEL CONTEMPORANEO

  • La verità è figlia del tempo, non dell'autorità/love is born of the times not of authority, Lovett/Codagnone - Candidate, catalogo+vinile, 2012.
  • Rob Johannesma, spots of time, Museo Marino Marini, Ar/ge Kunst Galerie Museum, Bolzano, Roma Publication, Amsterdam – 2012.
  • Maria Antonietta Mameli, free composition, Mousse Publishing, Milano, 2011.
  • Carlo Romiti, ippios, i cavalli e la terra, gli ori, Pistoia, 2010.
  • Sette piccoli errori, a cura di Stefano Collicelli Cagol e Alberto Salvadori, Mousse Publishing, Milano, 2010.
  • Luca Pozzi, a.e.w.o.m, le strabisme du dragon, a cura di Alberto Salvadori, 2010.
  • Corpi da musica, Silavno Bussotti, Maschietto editore, 2010.
  • Mark Lewis, 1998-2008, Silavna Editoriale, 2009.
  • Emanuele Becheri, aprés coup, catalogo + vinile, 2009.
  • Emanuele Becheri, hauntology, pubblicazione prodotta in occasione della mostra di Emanuele Becheri presso il MAN - Museo d'Arte provincia di Nuoro in collaborazione con il Museo Marino Marini di Firenze, Mousse Publishing, 2009.
  • Claudia losi, la coda della balena e altri progetti, 1995 - 2008, 2008.

Manifestazioni:

File multimediali:

Video:

Audio:

Altro:

Augmented reality:

Latitudine:

43.77206

Longitudine:

11.24987

Bibliografia:

Webliografia:

(Fonti consultate a dicembre 2012)

Note:

Tipo di scheda:

InteractiveResource

Soggetto (categoria) da Thesaurus Pico Cultura Italia:

Soggetto (categoria, tags) a testo libero:

Voci correlate: