OVMMO - Ovidiometamorphoseon

Tratto da EduEDA
Versione del 15 Giu 2009 alle 13:18 di Fringuie (Discussione | contributi) (Webliografia:)

(diff) ←Older revision | view current revision (diff) | Newer revision→ (diff)
Jump to: navigation, search

Titolo:

OVMMO - Ovidiometamorphoseon

Autore

Xear.org: Giacomo Verde, Marco Sodini, Mauro Lupone, Massimo Magrini, Alessandra Giuntoni in collaborazione con Voce Lello

Anno:

2002

Luogo:

Sito web:

http://www.verdegiac.org/repertorio/TecnoPerf.htm

Descrizione:

Una macchina scenica scarna e caleidoscopica, volendo assomigliare alle Metamorfosi di Ovidio, una session per spazio e tecnologie, macchine sonanti, video in real time ed un corpo/voce d'attore sospeso nella zona di transiti fra caos e forma. Una telecamera digitale inquadra un computer portatile sul cui schermo trascorrono sequenze catturate in diretta da una webcam rivolta allo spazio scenico. Dal flusso ininterrotto di immagini, generate live e trasmesse in videoproiezione sul fondale, emergono presenze sintetiche, digitali ectoplasmi in costante dialogo con la forte presenza fisica dell'attore e della musica eseguita dal vivo. L'ambiente sonoro, creato dai due musicisti operanti con macchine informatiche a vista, propone graffianti texture di sintesi derivanti dall'elaborazione informatica del suono. Il risultato di questa compresenza e simultaneità d'azione e' un'entità spettacolare densa ed immersiva in cui una pluralità di sollecitazioni ibride tende a restituirci il senso di instabilità dei media e della loro reversibilità. Il principio del loop, su cui si basano le connessioni tra i tecno-artisti in scena, produce uno speculare innescarsi di generazioni dove l'origine si disperde nella perpetua e reciproca inseminazione, fino all'emergere di immaginali figure dell'anima, di un passato che ridiviene presente nel suo metamorfosarsi.

Collezione:

Genere artistico di riferimento:

Installazione

Bibliografia:

Webliografia: