Sintomi scomposti (che mutano nel tempo)

Tratto da EduEDA
Versione del 16 Giu 2009 alle 13:47 di Fringuie (Discussione | contributi)

(diff) ←Older revision | view current revision (diff) | Newer revision→ (diff)
Jump to: navigation, search

Titolo:

Sintomi scomposti (che mutano nel tempo)

Autore

Giacomo Verde

Anno:

2006

Luogo:

Sito web:

Descrizione:

Il sincronismo di due schermi indipendenti crea l'illusione di unità. La mente tende a riunire. Anche quando si mostrano separazioni, piccoli ritardi o rotture di senso e prospettiva. Ecco due cicli sincronizzati in un solo ciclo: potrebbe continuare all'infinito, rassicurante. E' l'estetica del centro che unisce le parti separate. E' solo un pretesto. La macchina è perfetta e non s'incepperà. Ma una delle due sequenze è leggermente più lunga dell'altra. E' sempre così: prima o poi il sincronismo si rompe. E così nella ripetizione, nel tempo, le immagini non collimano più. Si fatica a ritrovare il senso di prima. Si vanno creando nuove associazioni, nuovi confini, scissioni e riunioni. La macchina asincrona compone nel tempo proprie estetiche di senso. La macchina è impazzita? La macchina è creativa? Nessun istante si ripete uguale a se stesso. Eppure i cicli si ripetono: sintomi scomposti che mutano nel tempo. G. Verde

Collezione:

Genere artistico di riferimento:

Video installazione

Bibliografia:

Webliografia: