Videodrome / Stelarc / Audioroom

Tratto da EduEDA
Versione del 12 Nov 2012 alle 20:56 di Cristina (Discussione | contributi) (Autore:)

(diff) ←Older revision | view current revision (diff) | Newer revision→ (diff)
Jump to: navigation, search
Questo articolo è solo un abbozzo (stub). Se puoi contribuisci adesso a migliorarlo. - Per l'elenco completo degli stub, vedi la relativa categoria

Titolo:

Videodrome / Stelarc / Audioroom

Autore:

Evento collettivo di: 0100101110101101.org, Michele Aquila, Maura Banfo, Sarah Ciracì, Globalgroove, Melania Lanzini, Luca Matti, Bruno Muzzolini, Sandrine Nicoletta, Giovanni Ozzola, Robert Pettena, Salis & Vitangeli, Marinella Senatore, Stelarc, Sophie Usunier, Nico Vascellari, Sislej Xhafa, ZimmerFrei a cura di Matteo Chini, Francesco Galluzzi

Anno:

2005

Luogo:

Firenze

Sito web:

Descrizione:

Videodrome video realtà immagine e' una rassegna di video e videoinstallazioni che ha per tema la relazione sempre piu' complessa tra immagine e realtà.

La realtà di ogni giorni e' infatti ancora fondata sull'immagine video o come dice Cronenberg in Videodrome "la televisione e' la realtà e la realtà e' meno della televisione". La soglia tra l'immagine e la realtà di cui essa e' un riflesso appare delinearsi in modo confuso e spesso contraddittorio. L'immagine video e' spesso immagine di un'altra immagine video di modo che la comunicazione televisiva sembra uccidere la realtà. Un "delitto perfetto" (Baudrillard) sulla cui scena solo l'arte sembra lavorare contro la simulazione creando paradossi e spiazzando lo spettatore. Il lavoro degli artisti appare dunque sempre piu' necessario per riappropriarci dei segni e delle cose. O almeno per fermarci a riflettere.

La mostra - curata da Matteo Chini - e' organizzata come un percorso immaginario che dall'ingresso arriva fino all'area espositiva disegnando una sorta di corridoio (videodrome). Lo spazio interno di Expo' infatti e' ampio e del tutto privo di finestre. Si presenta come un una lunga stanza dove le immagini possono scorrere lateralmente rispetto agli occhi del pubblico. La percezione di molte opere è periferica, veloce e sfuggente mentre, ai margini, alcune aree piu' isolate permettono una visione raccolta di altre opere. I giovani artisti che hanno aderito liberamente all'iniziativa sono tra i piu' noti e interessanti del panorama artistico del momento e provengono, oltre che da Firenze, da tutta Italia.

Stelarc - il celebre performer australiano a metà sciamano e a metà ingegnere cibernetico - tiene una conferenza-dimostrazione sulla sua arte robotica legata al corpo - mentre si alternano ai piatti della audioroom W.J. Meatball, Seve Rozz e come ospite speciale il suono drum 'n' bass di Ivan Villa. La dancefloor sarà accompagnata dal vjing di Squamo e Artichoc. Un cd rom - prodotto da Fernando del Regno e che sarà presentato in seguito - documenterà l'evento e si proporrà come strumento agevole e funzionale per la diffusione dei linguaggi contemporanei.

Collezione:

Genere artistico di riferimento:

arte contemporanea, serata - evento, collettiva

Bibliografia:

Webliografia: